Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Pd lancia l'allarme, ma il governo si aspetta 2 miliardi

Dal governo un decreto per le estrazioni di petrolio vicino alla costa


Dal governo un decreto per le estrazioni di petrolio vicino alla costa
01/06/2012, 17:06

ROMA - Il Pd lancia l'allarme sul decreto incentivi che il governo si prepara a varare. In particolare, per una norma che prevederebbe la caduta della sospensione - decisa nel 2010 dal governo Berlusconi quando ci fu l'incendio della piattaforma petrolifera della British Petroleum nel Golfo del Messico - nelle trivellazioni petrolifere in mare. Con una notevolissima differenza: la distanza minima per le trivellazioni scende da 12 miglia dalla costa a sole 5 miglia. Una misura che secondo il governo permetterebbe di estrarre le 11 milioni di tonnellate che si stima ci siano sotto il mare italiano (non sono sufficienti per l'Italia neanche per due mesi, ai consumi attuali, ndr), permettendo allo Stato di incassare 2 miliardi di euro.
Senza contare l'annoso problema delle royalties. Infatti l'Italia è il Paese in cui è più conveniente estrarre petrolio, dato che lo Stato prende solo il 4% contro percentuali che solitamente negli altri Paese vanno dal 25% al 40% ad oltre. Inoltre c'è la garanzia quasi assoluta - date le leggi che abbiamo - che, in caso di incidente, nessuno verrà chiamato a risarcire i danni per l'inquinamento che distruggerà le coste italiane.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©