Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Presentata da Germontani e Fleres, ma bloccata subito

Dal Pdl una proposta per legittimare le coppie di fatto; cancellata


Dal Pdl una proposta per legittimare le coppie di fatto; cancellata
25/11/2009, 12:11

ROMA - Per una volta, almeno, in 8 anni di governo, sembrava che dai partiti del centrodestra fosse partita una proposta di legge valida, intelligente e al passo con i tempi: tre disegni di leggi a firma Maria Ida Germontani (ex AN) e Salvo Fleres (ex FI e primo firmatario dello sciagurato emendamento sulla legge di scudo fiscale che ha allargato a dismisura l'elenco dei reati cancellati dall'adesione a questa legge). Il primo, costituzionale, puntava a modificare l'articolo 29, aggiungendo il riconoscimento dei "diritti individuali scaturenti dai rapporti di coppia". Il secondo disegno di legge prevedeva l'introduzione del divorzio breve nel caso di una coppia che intenda separarsi consensualmente e che non ha figli minori. In questo caso la procedura è semplificata al massimo: si dichiara la propria volontà davanti al notaio, senza avvocati o altro ed è finita. Il terzo disegno di legge invece prevedeva l'estensione ai conviventi della attuale legge che consente - in caso di morte di uno dei coniugi - all'altro di avere la pensione di reversibilità, pari al 30% di quella che prendeva il coniuge defunto.
Ma si sa, certe iniziative sono proibite, e così sono scesi in campo i big di partito: Maurizio Gasparri per la Germontani e Gaetano Quagliariello per Fleres. Li hanno obbligati a cancellare la conferenza stampa di presentazione delle leggi che avevano convocato e a ritrare le leggi, ufficialmente perchè in contrasto con il programma di partito e con gli impegni presi al Family Day del 2007. In questo gli ha dato man forte il Sottosegretario alla famiglia, Carlo Giovanardi, che ha parlato di "proposte inaccettabili dal punto di vista politico ed economico".
In realtà, il discorso è sempre lo stesso: si sa che il Pdl cerca l'aiuto del Vaticano e quindi fa di tutto per imporre ai cittadini i diktat di Oltretevere. L'ha fatto con la fecondazione assistita, di fatto quasi proibita; l'ha fatto con la pillola abortiva RU486, bloccata da mesi nonostante tutte le procedure di legge siano state eseguite; e chiaramente lo fa anche
bloccando una semplice legge di civiltà, che permetterebbe ai conviventi di non essere più cittadini di serie B

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©