Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Intervista del Presidente del Copasir

D'Alema offre il nuovo inciucio: "Via Berlusconi e collaboriamo"


D'Alema offre il nuovo inciucio: 'Via Berlusconi e collaboriamo'
03/06/2011, 08:06

ROMA - Intervista di Massimo D'Alema a Repubblica, nella quale il Presidente del Copasir dimostra di avere voglia ancora di inciuciare con la maggioranza.
Infatti, nella sua disamina della situazione politica italiana, prima D'Alema fa presente che il Pd non ha affatto perso le elezioni, dato che al centro-nord ha vinto e al sud hanno perso tuti i partiti, non solo il Pd. Mentre, a livello nazionale, propone la sua ricetta: "Questo non è un momento di ordinaria amministrazione. Siamo di fronte a scelte molto serie e importanti, per esempio sulla finanza pubblica. O si è in grado di dar vita a un governo di fine legislatura, che possa fare qualcosa di utile per il Paese, o si toglie il disturbo e si va alle elezioni. Quindi Si assumano almeno la responsabilità di risanare i conti, con una manovra economica che sarà più dolorosa proprio per le favole che Tremonti ha raccontato in questi tre anni. Questo è il primo dovere che hanno".
E quindi cosa si deve fare? Secondo D'Alema, "una manovra economica equa e capace di rilanciare lo sviluppo, riforma elettorale, e poi nuove elezioni. Indichino loro una persona che può realizzare quest'agenda in pochi mesi. Noi possiamo prenderci anche una quota di responsabilità. Ma le dimissioni di Berlusconi sarebbero necessarie non solo nella prospettiva di andare a elezioni anticipate, ma persino se si volesse salvare il cammino della legislatura. Senza l'opposizione non si fanno grandi riforme. Noi siamo pronti a fare la nostra parte. Ma prima se ne deve andare Berlusconi. Chi ci ha detto addirittura che non ci laviamo, ora non può venirci a dire 'facciamo qualcosa insieme per l'Italia'...".

 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©