Politica / Parlamento

Commenta Stampa

D'ALEMA SALVERA' IL CENTROSINISTRA?


D'ALEMA SALVERA' IL CENTROSINISTRA?
31/01/2008, 09:01

Quando lo scenario politico presenta un quadro già delineato, non può mancare il colpo di scena. Questa volta è toccato a Massimo d'Alema trovare la soluzione per risollevare le sorti della sua coalizione. Tutti si domandavano il perchè del suo silenzio durante gli ultimi giorni del governo Prodi, forse il compagno Massimo stava pensando quella che per oggi sembra la soluzione più plausibile per non far salire al governo Berlusconi con un largo vantaggio di voti e quindi di parlamentari. Dopo la proposta del Presidente della Repubblica che, a quanto pare già si sente solo senza coloro che l'hanno piazzato sulla poltrona del Quirinale, ha nominato l'ex Presidente del Senato  Marini traghettatore di turno fino alla nuova riforma elettorale prevista entro aprile. Le votazioni seguendo l'iter del Capo dello Stato dovrebbero aver luogo in giugno, ma ecco che d'Alema ha spiazzato tutti, compreso Berlusconi, avanzando una proposta democratica come il Referendum, forte delle 800mila firme raccolte. Questo significa che si dovrebbe, prima, far scegliere ali italiani la modalità del sistema elettorale, poi, discuterla in parlamento ed infine approvarla. Quando si andrà alle elezioni se verrà intrapresa questa strada? Certamente nel 2009. Un altro anno di spese pazze e incontrollate, dove l'emergenza e il ricorrere al più presto ad una risoluzione del sistema politico italiano saranno sicuramente motivo di scelte scellerate e trascurate. Il centrodestra si dice contrario alla proposta di Napolitano, ma non può fare molto contro la soluzione di d'Alema che troverà d'accordo tutti quelli che già sanno di perdere alle prossime elezioni. Nulla da aggiungere, se non che il folletto di Gallipoli ha trovato ancora una volta come bastonare il Nano di Arcore. Certo è anche il fatto che la nuova legge elettorale da far scegliere agli italiani prevede le liste bloccate, il premio di maggioranza ai partiti maggiori e l'impossibilità per i politici di presentarsi in più circoscrizioni. Saranno questi i fattori che creeranno intralcio alla proposta di d'Alema?

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©