Politica / Regione

Commenta Stampa

D’Angelo: “Breast unit, molte positive audizioni in commissione”


D’Angelo: “Breast unit, molte positive audizioni in commissione”
15/07/2011, 09:07

La consigliera regionale Bianca D'Angelo, prima firmataria di una delle due proposte di legge regionale sulle Breast Unit attualmente all’esame della V commissione, ha dichiarato: «Oggi in commissione Sanità si sono svolte le audizioni dei rappresentanti delle associazioni, dei medici, degli operatori e degli esperti oncologici e di senologia in relazione alle proposte di legge presentate per innovare l’attuale normativa regionale sulle Breast Unit.
Sono emersi numerosi spunti di riflessione, oltre a proposte ed idee innovative che come consiglieri regionali e componenti della Commissione Sanità dobbiamo tenere in debita considerazione. La Campania è oggi tra gli esempi positivi sul fronte legislativo delle Breast Unit, ma stiamo lavorando alacremente per migliorare un quadro normativo che una volta aggiornato dal Consiglio Regionale secondo le nuove esigenze porterà la Regione tra le eccellenze nazionali.
La diagnosi precoce, il percorso riabilitativo post operatorio, l’ammodernamento delle strutture e dei macchinari, l’aggiornamento del personale all’interno delle Unità di senologia sono alcune delle proposte maggiormente caldeggiate durante l’audizione odierna. Purtroppo, oggi, la Campania fa registrare una riduzione dei casi di tumori al seno ma una maggiore mortalità. Occorre quindi far presto e dotare la Regione di una legge che aggiorni e migliori quella già esistente che risale al 2005.
Il massimo sforzo va compiuto sull’informazione, la comunicazione e l’avvicinamento dei cittadini ai medici ed alle strutture sanitarie del territorio. In Campania abbiamo capacità e punti di eccellenza ma a volte pregiudizi e cattiva informazione determinano il triste fenomeno dei “viaggi della speranza” e della migrazione sanitaria. Questo comporta che migliaia di campani ogni anno vanno fuori regione per curarsi e ciò finisce per gravare economicamente sulle Asl e sul sistema sanitario regionale.
Aggiornare la normativa sulle Breast Unit e portare la Campania all’avanguardia nazionale contribuirà sicuramente a contrastare questi annosi problemi e consentirà di migliorare l’assistenza sanitaria alle donne sul nostro territorio. Inoltre si ricaverà un consistente risparmio di denaro pubblico riducendo i viaggi fuori Regione».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©