Politica / Napoli

Commenta Stampa

D’Angelo (Pdl): "De Magistris, ora dimissioni"


D’Angelo (Pdl): 'De Magistris, ora dimissioni'
04/04/2013, 16:15

La consigliera regionale del Pdl Bianca D’Angelo ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Il sindaco di Napoli dopo la manifestazione di stamattina, spontanea, apartitica ed apolitica, frutto della volontà popolare, deve trarre le opportune conseguenze e dimettersi. Credo infatti sia giunto il momento di guardare in faccia alla realtà. E’ evidente che Napoli e i napoletani non sono più rappresentati da De Magistris e dalla sua amministrazione. Da tempo le associazioni come i singoli cittadini, i negozianti come i ristoratori cercano di far ragionare Sindaco e Giunta su scelte a dir poco scellerate. Scellerate a tal punto che nella zona della Riviera di Chiaia stanno per chiudere attività storiche e mai entrate in crisi profonda fino ad ora. Come si permette il Sindaco, in questa fase così difficile per l’economia, nazionale e locale, di mettere a repentaglio attività economiche e posti di lavoro ? Appena eletto, De Magistris si è trincerato nel suo Palazzo, poi ha cominciato a defenestrare tutti coloro che osavano mettere in discussione i suoi capricci: Rossi dell’Asia, Narducci e Realfonzo dalla giunta, il direttore generale dall’amministrazione. Lungomare liberato ma occupato da abusivi, Ztl assurde, pista ciclabile ridicola, strade colabrodo, buche-killer per pedoni, auto e moto, traffico allucinante, mezzi pubblici inesistenti, palazzi che crollano: De Magistris pensava veramente che i napoletani avrebbero sopportato per sempre e senza fiatare le sue follie ? Oggi è scesa in piazza una società civile stanca e depressa da tutto quello che sta subendo. Molti sono ancor più arrabbiati perché, credendoci, avevano votato De Magistris e la sua “democrazia partecipata”. Quindi la ferita, per questi cittadini, è ancora più aperta. Credo che a questo punto le dimissioni siano l’unica via possibile. Tanto più che ormai la città ed i napoletani pensano che questo Sindaco non abbia amore vero e disinteressato per Napoli ed i suoi cittadini. Si tratta ormai di una frattura insanabile che si può curare solo con le dimissioni del primo cittadino». 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©