Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Si prevede di approvare la legge entro luglio con la fiducia

Ddl intercettazioni: Berlusconi vuole chiudere subito


Ddl intercettazioni: Berlusconi vuole chiudere subito
24/05/2010, 11:05

ROMA - A quanto pare, Berlusconi non intende impiccarsi alla legge sulle intercettazioni. E' quello che si può desumere dall'ordine di chiudere velocemente la legge, approvando al Senato un testo che poi possa essere blindato, magari con la fiducia, alla Camera dei Deputati. Cosa più facile a dirsi che a farsi, dati i problemi che questa legge sta creando all'interno del Pdl. Infatti, la riunione c'è stata subito tra Cicchitto, Gasparri e Quagliariello (caigruppo del partito in Camera e Senato; manca Bocchino perchè dimesso e non ancora sostituito), per cercare di trovare una soluzione. soluzione difficile per il netto no della finiana Giulia Bongiorno, che non intende appoggiare una legge che cancella il diritto di cronaca. Già in una prima fase, nella legge era stata aggiunta una limitazione, cioè la possibilità di pubblicare gli atti non coperti da segreto; limitazione eliminata in Commissione al Senato. Ma è una limitazione a cui i finiani - e non solo loro nel Pdl - non intendono sottostare. E quindi si cerca di reintrodurre il concetto, con un emendamento del tipo: "Di tali atti è sempre consentita la pubblicazione per riassunto", riferita agli atti già resi pubblici, di cui resterebbe vietata solo la riproduzione integrale. E la cosa avrebbe riscosso anche il plauso del Presidente della Repubblica.
Ma non basta, perchè rimane un altro punto, che è quello fondamentale: la legge ha l'effetto di rendere praticamente impossibili le intercettazioni. Ma la cosa non piace ai cittadini, che hanno protestato, appoggiando manifestazioni come quelle in onore di Falcone fatta domenica a Palermo. Allora anche qua, può restare la legge intonsa, così come scritta finora? Perchè se cancelliamo i nuovi limiti fatti per bloccare i processi contro la mafia e i colletti bianchi, non è che resta molto, della legge. Solo l'aumento di pena per chi viola il segreto delle indagini e pochi altri dettagli. E quindi il Pdl adesso sta cercando di limare la legge per rispettare il volere di Berlusconi pur ottenendo un appoggio da parte dell'intero del Pdl.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©