Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Si profila l'ipotesi di un rinvio a settembre

Ddl intercettazioni: nuovo slittamento in Commissione


Ddl intercettazioni: nuovo slittamento in Commissione
20/07/2010, 10:07

ROMA - Ancora uno slittamento per il disegno di legge sulle intercettazioni. Questa mattina doveva iniziare l'esame del governo dei 600 emendamenti presentati da maggioranza ed opposizione al provvedimento, con relativo parere favorevole o sfavorevole. Invece questa mattina è arrivato il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, a chiedere un rinvio dell'esame del provvedimento a questo pomeriggio, al termine dei lavori parlamentari. Il rinvio è necessario per consentire al governo di presentare nuovi emendamenti che accolgano le richieste del Quirinale e dei finiani.
Questo in apparenza, ma in realtà c'è altro: più tempo passa e più questa legge è un polpettone indigeribile. Ormai, il dato della protezione della privacy è quasi scomparso; resta imperterrito quello del bavaglio alla stampa - anche se attenuato, rispetto all'inizio - e dell'impedire ai giudici di disporre intercettazioni a carico dei delinquenti. Ma questo ha portato serie ripercussioni alla popolarità del governo; e si sa che questo è l'unico dato che muove l'iniziativa governativa. Per cui non è escluso che, se la tensione all'interno del Pdl dovesse rimanere alta, il provvedimento venga rinviato a settembre o oltre.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati