Politica / Parlamento

Commenta Stampa

DDL SICUREZZA: RONDE PADANE E REGISTRO PER I SENZATETTO


DDL SICUREZZA: RONDE PADANE E REGISTRO PER I SENZATETTO
07/11/2008, 09:11

Non bastava la schedatura dei rom, bambini compresi; adesso la maggioranza dà ordine di schedare anche i senzatetto. Infatti al disegno di legge sulla sicurezza è stato aggiunto un emendamento che prevede l'obbligo di creare, presso il Ministero dell'Interno, entro 180 giorni dall'approvazione della norma, un registro per la schedatura dei senzatetto italiani. E sarà Maroni, Ministro dell'Interno, ad emanare le direttive attuative. Ma non è l'unica norma raccapricciante di questo provvedimento. C'è il permesso di soggiorno a punti, obbligatorio, ma che costerà 200 euro ad ogni comunitario; oltre al fatto che, per ottenerlo, bisognerà sottoscrivere un "accordo di integrazione". Poi il test linguistico, per cui non si potranno varcare i confini nazionali se non si conosce l'italiano (e meno male che hanno escluso dalla norma i turisti, ma non - assurdità massima - gli studenti stranieri, ndr). E inasprimento delle espulsioni per cui, se l'allontanamento coatto non è possibile, il clandestino dovrà comunque andarsene dall'Italia entro 5 giorni (cioè la stessa norma che c'è dal 2001 e che si rivela inapplicabile, perchè il clandestino non ha i soldi per andarsene). Riduzione, per gli extracomunitari, della possibilità di ricongiungimenti e maggiori difficoltà per i matrimoni. Infine, avendo dovuto fare retromarcia sul reato di immigrazione illegale, è stato trasformato in un reato amministrativo con multa da 5 a 10 mila euro. Ed infine, una grossa affermazione della Lega: le ronde padane, cioè quegli assembramenti di delinquenti che vanno in giro per le strade di alcune città del nord a picchiare senzatetto ed extracomunitari inermi, sono state ufficializzate, con l'anonima definizione di: "Gli enti locali potranno avvalersi della collaborazione di associazioni di cittadini per cooperare al presidio del territorio".

Le uniche parti condivise sono state un inasprimento del reato del 41bis, l'aumento di pena fino a 15 anni introdotto da un emendamento del PD per chi traffica in esseri umani. Inoltre è stato dato potere ai sindaci di punire con multe da 500 a 1000 euro coloro che gettano rifiuti per strada.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©