Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Ministro: "Entro giugno la legge sulle intercettazioni"

Ddl svuota-carceri: Alfano e la Lega trovano l'accordo


Ddl svuota-carceri: Alfano e la Lega trovano l'accordo
11/05/2010, 16:05

ROMA - Trovato l'accordo tra il Ministro della Giustizia Angelino Alfano e la Lega sul disegno di legge "svuotacarceri". Si tratta di una legge il cui fulcro è una norma che prevede di mandare agli arresti domiciliari tutti coloro che devono scontare meno di 12 mesi di reclusione, anche se si tratta della parte finale di una pena detentiva maggiore. Ma negli ultimi giorni il Ministro dell'Interno Roberto Maroni, aveva espresso il malumore della Lega Nord, perchè la maggior parte di coloro che si trovano in questa situazione sono le migliaia e migliaia di disgraziati extracomunitari, che sono stati condannati per violazione della legge Bossi-Fini - cioè per avere violato una legge incostituzionale e criticata da tutti gli organismi umanitari - ad una pena di pochi mesi di reclusione.
E così ecco la soluzione: restano gli arresti domiciliari per chi ha meno di 12 mesi da scontare, ma solo dopo una valutazione del magistrato di sorveglianza. In più verranno disposti severi paletti per attestare l'idoneità del domicilio in questione. La soluzione, contenuta in tre emendamenti presentati dal governo in Commissione, stravolge l'impianto iniziale della legge, e in sostanza la svuota di efficacia. Infatti la gran parte di coloro che stanno scontando piccole pene sono proprio gli extracomunitari ed i poveri cristi, che vengono tagliati fuori da questa modifica.
Parlando poi con la stampa, il Ministro Alfano ha confermato che la maggioranza procederà per la sua strada con il ddl per vietare le intercettazioni perchè bisogna "tenere fermo il principio previsto dall'art.15 della Costituzione sul diritto del cittadino alla privacy". Evidentemente il fatto che questo blocchi qualsiasi indagine sui criminali non è un principio da tenere fermo, per il governo. Inoltre Alfano ha confermato che il governo intende avere la legge sulle intercettazioni approvata entro giugno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©