Politica / Parlamento

Commenta Stampa

DE GENNARO INCONTRA DE FRANCISCIS


DE GENNARO INCONTRA DE FRANCISCIS
19/01/2008, 09:01

Ogni giorno l’emergenza rifiuti in Campania lascia dietro di sé strascichi indelebili, paura, rabbia, timore di non farcela, prospettive per trovare soluzioni definitive. Istituzioni in ritardo e alcuni cittadini che nel corso degli anni non hanno certo dato una mano a rendere la città un posto migliore e ora la situazione è questa. L’urgenza di risolvere la questione c’è ma anche il bisogno di trovare e definire metodi di risoluzione che siano definitivi e certi. Intanto a Caserta le condizioni non sono molto diverse da Napoli, anzi, la città attendeva una risposta che è parsa arrivare dall’incontro tra De Gennaro e De Franciscis.
La garanzia della massima attenzione verso la situazione di emergenza che vive il territorio del Casertano in ordine al prelievo dei rifiuti solidi urbani, che procede a rilento specie in alcune aree, è stata fornita, infatti, dal commissario per l’emergenza rifiuti in Campania, prefetto Gianni De Gennaro, al presidente della Provincia, Sandro De Franciscis. L’incontro è avvenuto alla Prefettura di Caserta, presenti il prefetto di Terra di Lavoro Ezio Monaco con il vicario Franco Provolo, il sottosegretario di Stato Gaetano Pascarella, il questore Carmelo Casabona, l’assessore provinciale all’Ambiente, Maria Carmela Caiola.
Le parole del prefetto sono state chiare e hanno iniziato a far crescere una serenità in più anche se si attendono gli effettivi risultati di soluzioni prese, De Gennaro ha reso noto di essere nell’imminenza dell’adozione di misure che garantiscano una raccolta straordinaria della spazzatura nelle diverse aree della provincia in modo da lenire i disagi fin qui patiti.
“Le istituzioni locali – ha assicurato De Franciscis – continueranno a fornire massima collaborazione al commissariato perché l’emergenza trovi risposte adeguate ed immediate. Ma dal commissariato ci attendiamo adesso il massimo dell’impegno per le esigenze di una comunità provinciale che con grande senso di responsabilità ha fornito nell’ultimo anno un forte sostegno al lavoro della struttura senza tuttavia ottenere quelle misure e quei benefici che pure erano stati concordati. Adesso – ha concluso De Franciscis – enti e comunità locali, disponibili a fare la loro parte fino in fondo, si aspettano risposte certe”.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©