Politica / Parlamento

Commenta Stampa

DE GREGORIO IN CINA PER SALVARE LA MOZZARELLA


DE GREGORIO IN CINA PER SALVARE LA MOZZARELLA
02/04/2008, 11:04

Italiani nel mondo sarà in Cina per convincere il Governo a non bloccare l'importazione di prodotti lattiero-caseari provenienti dalla Campania.
Sergio De Gregorio, presidente della commissione Difesa del Senato e leader nazionale del movimento politico "Italiani nel mondo" ha dato promessa di impegnarsi affinchè non continui questa campagna di disinformazione sulla mozzarella che sta avendo ricadute anche sul mercato globale dei prodotti caseari che non sono originari della Campania.
"La psicosi di questi giorni ha ottenuto come risultato il ritiro non solo delle mozzarelle di bufala dai grandi circuti della distribuzione organizzata, ma perfino l'imposizione alle piattaforme alimentari di non diffondere formaggi italiani, tra i quali il parmigiano. Sembra incredibile, ma l'atmosfera che si respira in quel continente rischia di assestare un'ulteriore batosta alla piccola e media impresa della regione Campania e al made in Italy. Persino la catena di cash and carry della Metro, che fornisce oltre quaranta piattaforme di distribuzione nel Paese, pur avendo rinnovato la propria disponibilità alla commercializzazione del prodotto, non riesce ad ottenerlo per il blocco che ormai è concentrato sul sistema doganale. Nelle prossime ore, una videoconferenza con gli operatori italiani di Shangai e della Cina mi fornirà l'esatta fotografia della situazione di crisi.
Italiani nel mondo interverrà sulle autorità cinesi perché il blocco venga rimosso. Lo farò anche in qualità di presidente dell'associazione parlamentare di amicizia Italia-Hong Kong, perché molti flussi di informazione diretti alla Cina passano per le piattaforme della regione amministrativa speciale di Hong Kong. È tempo di rimboccarsi le maniche e di lanciare un'opera di solidarietà
bipartisan, chiedendo alle autorità cinesi di prendere in considerazione i risultati rassicuranti delle ultime analisi del prodotto che in molti casi escludono la presenza di diossina e altre sostanze inquinanti nella mozzarella di bufala e nei formaggi campani

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©