Politica / Salerno

Commenta Stampa

Il sindaco di Salerno testimonial per la leadership

De Luca: la “velina” di Bersani


.

De Luca: la “velina” di Bersani
02/11/2012, 14:41

SALERNO - Un nome, Vincenzo de Luca, un’attività ben definita: sindaco di Salerno, ma con velleità da velina, ovviamente politica, che ha spinto Pierluigi Bersani a nominarlo addirittura testimonial delle primarie del secondo partito d’Italia. Un amore nato a settembre, galeotto fu un abbraccio tra il primo cittadino della seconda città della Campania, ed il leader maximo del centro sinistra italiano; e poi le congiunture su programmi ed un’azione politica che rispecchia profondamente la città di Salerno che, se geograficamente non stesse al sud, potrebbe tranquillamente immaginarsi essere una provincia lombarda. Cambiare il modo di fare politica, cambiare l’approccio con i problemi, e con la gente che, in ogni caso, rappresenta il simbolo più elevato della democrazia e della condivisione. E’ questa l’esperienza che De Luca cerca di passare al segretario nazionale del PD, impegnato a cercare consensi dopo l’esperienza deprimente di Palermo, dove se pure vincitori (si fa per dire), hanno dovuto confrontarsi con il successo del Movimento 5 stelle che oramai rappresenta una realtà consolidata con la quale doversi confrontare su programmi e alleanze. De Luca quindi rappresenta per Bersani il volto al fianco del quale rilanciare se stesso, nel tentativo di “cambiare tutto”, affermazione che non era semplicemente il titolo di un convegno, ma rappresenta la chimera politica di questo primo decennio di terzo millennio.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©