Politica / Regione

Commenta Stampa

Le dichiarazioni del candidato sconfitto

De Luca: "Nella città di Napoli siamo i primi"


De Luca: 'Nella città di Napoli siamo i primi'
29/03/2010, 21:03

A pochi minuti dalle 22 quando ormai sono partiti i festeggiamenti nel comitato di stefano Caldoro, arrivano anche i commenti del candidato sconfitto, Vincenzo De Luca. "Mi sono presentato per cambiare le cose; per spezzare la logica del clientelismo". Il risultato elettorale non è però letto dal candidato del centro sinistra come una sconfitta: "Aver ottenuto il 44% delle preferenze per me è un miracolo; una speranza vera per un rinnovamento profondo. Vuol dire che quasi la metà dei cittadini che hanno votato, hanno scelto di esprimere la preferenza per noi". Doverosi i ringraziamenti di de Luca, ai cittadini che gli hanno dato fiducia, ai militanti che sono tornati a combattere, ai giovani che hanno "reclutato" nei vari quartieri. Un dato su tutti inorgoglisce De Luca, il primato nel capoluogo campano: "Nella città di Napoli siamo i primi, e questa mi sembra una prova straordinaria di fiducia". Ringraziamenti anche ai cittadini di Salerno, città di cui è sindaco De Luca: "Il 72% dei consensi, rappresenta una conferma di un rapporto di solidarietà dei miei concittadini; il risultato di un intenso lavoro amministrativo". In generale. De Luca ribadisce che il centro sinistra risulta essere avanti in molti caoluoghi di provincia, soprattutto dove c'è stata una maggiore libertà di espressione, pur riconoscendo che ci sono alcune aree di sofferenza dovuti ad alcuni movimenti di trasformismo.
De Luca si dismostra un competitor sportivo augurando buon lavoro al neo presidente Caldoro: "Sosterremo le scelte utili che dovesse fare con la sua coalizione ma faremo opposizione per combattere la clientela politica, le logiche proprietarie di occupazione delle istituzioni e tutte le ambiguità nei confronti dei poteri criminali  e la mancata trasparenza".
Il sindaco di Salerno non si nasconde dietro un dito, ammettendo che la sconfitta in parte è dovuta alla precedente esperienza politica del centro sinistra in Campania, legata al governo di Bassolino che di sicuro ha provocato una disaffezione nello stesso popolo della sinistra.
De Luca conclude ribadendo di "essere un uomo libero" e che nel suo futuro percorso politico "non farà sconti a nessuno"

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©