Politica / Regione

Commenta Stampa

Il candidato del centro sinistra incontra i torresi

De Luca: "Occorre capacità ammnistrativa e libertà d'azione"


.

De Luca: 'Occorre capacità ammnistrativa e libertà d'azione'
10/03/2010, 16:03

TORRE DEL GRECO - Ha incontrato i cittadini torresi ieri sera all’ex hotel Sakura il candidato alla presidenza della Regione Campania per il centro sinistra Vincenzo De Luca. Lavoro, ambiente, sanità: le questioni prioritarie su cui De Luca intende puntare per il rilancio della Campania.
Fare della Campania il più grande cantiere d’Europa, stabilizzare i precari, dare occupazione ai giovani, offrire servizi sociali agli anziani e ai disabili: gli obiettivi da raggiungere per dare un nuovo volto alla Regione. Tra le finalità da perseguire anche un piano di rilancio turistico attraverso la valorizzazione dei beni ambientali dei paesi vesuviani e della fascia costiera. “Abbiamo una grande progetto di rilancio turistico di tutta la Campania - ha detto De Luca - un progetto a mio parere di grandissimo rilievo può essere quello di un distretto turistico di valore mondiale. Abbiamo una miniera d’oro nelle nostre mani e possiamo creare migliaia di posti di lavoro, se pensiamo alla riqualificazione della fascia costiera, alla valorizzazione dei paesi vesuviani, al parco del Vesuvio, all’espansione del turismo nautico, dei porti turistici, della cantieristica nautica, alla valorizzazione dei beni ambientali, archeologici e culturali connessi a questo recupero. Bisogna concentrare risorse europee su questi progetti. Bisogna avere rispetto dell’ambiente, ho visto che hanno pensato di aprire una discarica nel parco del Vesuvio, altro che turismo. Occorre avere grande capacità amministrativa e grande libertà d’azione, cioè non avere padroni e padrini alle spalle. Da questo punto di vista io non ho padroni, non devo rispondere a nessuno. Possiamo concentrare tutte le energie sulle cose da fare e sugli obiettivi di lavoro da creare per i giovani”.  De Luca dice no alle centrali nucleari e alla privatizzazione dell’acqua e rilancia un forte monito contro la vecchia classe dirigente. Sull’era Bassolino, il candidato del centro sinistra ha dichiarato: “Ci sono state cose significative realizzate nel campo della ricerca, dei trasporti, dell'agricoltura, ci sono stati gravi errori nel campo della sanità, dell’ambiente, dei rifiuti, della gestione dei fondi europei. Abbiamo deciso con coraggio di voltar pagina. Alcuni dei principali responsabili di questi errori stanno tutti dall'altra parte. Mi presento come un’ipotesi credibile di rinnovamento generale, gli altri incredibilmente ripropongono la palude burocratico-clientelare di questi anni. Noi l’Europa, gli altri la preistoria politica”.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©