Politica / Regione

Commenta Stampa

“Questa è la politica dei senza potere”

De Magistris incontra gli studenti in un bagno di folla


.

De Magistris incontra gli studenti in un bagno di folla
26/05/2011, 14:05

NAPOLI - Luigi de Magistris prosegue nei suoi “cento passi” verso palazzo San Giacomo. Oggi, megafono alla mano, ha incontrato gli studenti universitari della Federico II sui gradoni di corso Umberto. Ha tutte le sembianze del capopopolo. A metà del suo discorso si interrompe versandosi sulla testa acqua fredda. Il clima è torrido ma lui non si ferma. “Non mi lasciate solo, io non vi lascerò soli” grida alla folla prima di andare via. Da queste elezioni l’unica certezza è che a uscirne con le ossa rotte è stata la sinistra, in particolare il Partito democratico che è stato pesantemente punito in queste amministrative, così come Sinistra ecologia e libertà che ha senz’altro sbagliato alleanze. E l'elettore di sinistra che si sentiva disorientato, tradito e in parte anche colpevole ha trovato in lui una ragione di rivalsa. Tradito dalla sua classe dirigente, colpevole per averla votata, disorientato perché non sapeva a quale zattera aggrapparsi, pur di non cedere la città alla destra.
de Magistris ha spazzato via questi sentimenti. Grazie anche alla capacità dell'ex-magistrato di liberarsi dalle sovrastrutture partitiche che hanno segnato una stagione politica oramai al tramonto, così come tutto il gruppo dirigente del Pd. Comunque vada, per de Magistris è stata una grande vittoria. E per la sinistra, “dal basso”, una liberazione e un primo passo per ricominciare. Ha effettivamente scassato, come ama ripetere alle folle. Ha scassato, ma ha fatto anche da colla, ricomponendo una ferita aperta nel cuore politico di una parte di Napoli.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©