Politica / Napoli

Commenta Stampa

De Magistris querela Realfonzo per intervista diffamatoria

Chiesti 1 milione di euro all'ex assessore al bilancio

De Magistris querela Realfonzo per intervista diffamatoria
31/07/2012, 18:13

Non fate mai arrabbiare il sindaco di Napoli. Potreste beccarvi una querela, specialmente se avete fatto parte della sua giunta. E’ accaduto all’ex assessore al bilancio Riccardo Realfonzo, uscito da qualche settimana dalla giunta arancione. Realfonzo ha rilasciato un’intervista al Fatto Quotidiano, parlando di “tradimento dello spirito della Rivoluzione Arancione”. Apriti cielo. E non finisce qui. L’ex assessore ha avuto parole ancora più dure per Luigi De Magistris: “Pensa solo ai grandi eventi e rinuncia ad aggredire i problemi di fondo della città”. Riassumibili in poche parole: un bilancio economico pieno di buchi, servizi pubblici locali inefficienti e la volontà politica di non metterci mano per “non assumere decisioni difficili e per portare avanti una politica di consenso populistica”. Un sindaco disattento ed ostile lo ha definito, al quale al momento dell’insediamento ha chiesto di collaborare per il risanamento delle casse comunali. De Magistris avrebbe bocciato molte proposte di Realfonzo, come quella della riorganizzazione degli uffici comunali o quella della dismissione di alcune società partecipate.Erano provvedimenti scomodi, che contrastavano interessi consolidati, e lui non voleva mettersi nessuno contro. Ma è chiaro che così non si affrontano i nodi atavici della città”, dichiara Riccardo Realfonzo, il quale critica anche la pedonalizzazione di via Caracciolo: ““La Ztl è stata fatta dall’oggi al domani. Andava preceduta dai varchi telematici, dal rafforzamento del trasporto pubblico. E’ stata istituita secondo la logica del ‘tutto e subito’, attraverso scorciatoie economiche e amministrative. Per sorvegliare i varchi, abbiamo dovuto spostare quasi tutti i vigili in centro, lasciando le periferie sguarnite, cosa che fece arrabbiare Narducci, e non poco”. L’ex assessore azzarda anche un paragone con l’ex sindaco Rosetta Iervolino: “La Iervolino era ostaggio di alcune forze politiche che la ricattavano, in perfetto stile pre Tangentopoli. Ma aveva piena contezza dei problemi amministrativi. In de Magistris invece ho trovato una totale indisponibilità a ragionare sui cinque anni. Lui si pone obiettivi elettorali di breve periodo. Insomma guarda alle politiche del 2013 e pensa alla città più che altro come a un trampolino di lancio. Poi ha un limite caratteriale forte: se la prende con chiunque metta in discussione le sue scelte. Dimenticando di avere invocato in campagna elettorale una giunta di persone con la schiena dritta”. Ovviamente De Magistris non è rimasto con le mani in mano. Il sindaco di Napoli ha annunciato: “Ho dato mandato ai miei legali di presentare un’azione civile, avanzando richiesta di 1 milione di euro, in relazione alle dichiarazioni rilasciate da Riccardo Realfonzo nell'intervista pubblicata sul sito on line de "Il fatto quotidiano". Secondo l’ex pm, Realfonzo ha rilasciato un’intervista dal carattere diffamatorio, dimostrando “il proprio fallimento politico come assessore”.

 

 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©