Politica / Regione

Commenta Stampa

De Mita al congresso nazionale Acli


De Mita al congresso nazionale Acli
09/06/2011, 17:06


Il vicepresidente della giunta regionale della Campania e assessore regionale al Turismo Giuseppe De Mita, prenderà parte al IV Congresso nazionale del Centro Turistico Acli che si svolgerà domani, venerdì 10, con inizio alle ore 10,30, presso l'hotel Ramada di Napoli e che ha per titolo “Turismo sociale, strumento di conoscenza per un nuovo umanesimo”.

Alla giornata inaugurale del congresso parteciperanno il presidente nazionale del CTA Pino Vitale, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il vice presidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella. Previsti gli interventi del sottosegretario Bruno Cesario, della professoressa Valentina Della Corte, di don Mario Lusek, dell'ambasciatore Carla Elisa Luis Mucavi, del presidente nazionale Fitus Benito Perli, e del rappresentante della comunità ebraica di Padova Gadi Luzato Voghera.

Le conclusioni saranno affidate ad Andrea Olivero, presidente nazionale delle ACLI e al vicepresidente De Mita.

«Il turismo sociale – dichiara Giuseppe De Mita - rappresenta un segmento dell'offerta regionale che, soprattutto in alcune aree della Campania, può avere numeri significativi. Lo sforzo che la Regione sta compiendo anche in un momento di difficoltà è far emergere proprio questa dimensione, la cifra economica del settore turistico nel suo complesso. Tra le iniziative assunte dall'assessorato al turismo della Regione Campania mi piace ricordare quella relativa al turismo scolastico ed una specificamente indirizzata a turisti con bisogni speciali. L'iniziativa è stata denominata “Campania in libertà”. Il progetto vuol dare vita ad un ampliamento dell'offerta turistica attraverso la possibilità di offrire a tante persone l'opportunità di mantenere il proprio stile di vita durante la permanenza in un luogo lontano dalla propria residenza senza tuttavia privarsi di quelle risposte necessarie ai propri bisogni, risposte senza le quali il viaggio ed il soggiorno risulterebbero difficilmente praticabili».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©