Politica / Politica

Commenta Stampa

Oggi alle 16 inizia la discussione in Giunta

Decadenza Berlusconi: Di Maio (M5S) propone di lasciare l'aula


Decadenza Berlusconi: Di Maio (M5S) propone di lasciare l'aula
16/09/2013, 16:05

ROMA - Oggi alle 16 si riunirà nuovamente la Giunta per l'immunità al Senato, per discutere della decadenza di Berlusconi sulla base della legge Severino. Dovrebbero iniziare gli interventi di 19 dei 23 componenti la Giunta che si sono iscritti a parlare e le cui dichiarazioni sono previste metà oggi e metà domani. 
Intanto si continua a parlare della decadenza di Berlusconi e del voto in aula. Oggi è toccato a Luigi di Maio, su Facebook, proporre di uscire dall'aula al momento del voto, e lasciare che Pdl e Pd "si scannassero da soli". Una palese violazione degli ordini di Grillo, tanto che poche ore dopo è lo stesso Di Maio che sempre su Facebook ha tentato di spiegare: "In merito all'uscita dal Senato per la votazione sulla decadenza di Berlusconi, la strada maestra è e resta quella di modificare il regolamento come proposto dal gruppo al Senato. Il mio era solo un personale auspicio di vederli in quell'aula da soli di fronte alla loro ipocrisia e finalmente portarli allo scoperto impallinandosi a vicenda".
Una modifica regolamentare che il senatore e capogruppo del Movimento 5 Stelle Luigi Morra ha annunciato verrà presentato oggi e domani e che prevede il divieto di votare con voto segreto nella vicenda Berlusconi.
Una proposta che ha due gravi punti deboli. Innanzitutto ci vogliono mesi per portare una proposta di modifica in aula, se non c'è preventivamente un accordo tra tutti i partiti (e in questo caso non c'è perchè il Pdl non è d'accordo). E seconda cosa, come giudicare chi presenta leggi o regolamenti ad personam? Le leggi ad personam fatte da Berlusconi erano esecrabili per il semplice fatto che erano ad persona; farle contra personam non le rende sante. E non c'è nessuna differenza tra un berlusconiano che vota a favore di una legge ad personam per Berlusconi ed uno che vota una legge contra personam. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©