Politica / Politica

Commenta Stampa

Numerosi i nuovi emendamenti aggiunti al testo originario

Decreto Milleproroghe, ok del Senato. Si torna alla Camera

Esprime la sua soddisfazione Enrico Zanetti

Decreto Milleproroghe, ok del Senato. Si torna alla Camera
29/01/2014, 20:12

ROMA- Il decreto Milleproroghe passa alla Camera per il varo definitivo, dopo essere stato approvato in serata dal Senato con 134 voti a favore 60 contrari e 36 astenuti. Come ogni anno, numerosi i nuovi emendamenti che, aggiungendosi a proroghe fissate dal testo governativo originario, toccano settori molto eterogenei.

Vari i rinvii presenti come quelli concernenti le assegnazioni temporanee del personale non dirigenziale impiegato presso l'Inps, le disposizioni attuative contro l'esercizio abusivo del servizio taxi, le nuove regole per lo svolgimento dei corsi di formazione per addetti al salvamento acquatico, la realizzazione di alloggi di edilizia sovvenzionata da affittare alle Forze dell'Ordine impegnate nella lotta alla criminalita' organizzata e l'obbligo di ricevere i pagamenti via bancomat per commercianti e professionisti.

La proposta di aumentare la tassazione dal 20 al 27% delle rendite finanziarie previsto da un emendamento al dl approvato in commissione per compensare la riduzione dell'imposizione sulle e-cig e' stata ritirata dopo la bocciatura della Commissione Bilancio.

"Esprimo grande soddisfazione per il passaggio al Senato, dopo una battaglia politica durissima, dell'emendamento che introduce di nuovo l'equipollenza dell'esame di Stato di commercialista ai fini dell'iscrizione dei giovani professionisti nel registro dei revisori legali''. Lo afferma Enrico Zanetti, responsabile politiche fiscali di Scelta Civica e vicepresidente della Commissione Finanze della Camera.

 

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©