Politica / Parlamento

Commenta Stampa

DECRETO RIFIUTI: I DUBBI DELLA COMMISSIONE EUROPEA


DECRETO RIFIUTI: I DUBBI DELLA COMMISSIONE EUROPEA
24/06/2008, 18:06

 

La Commissione europea ha confermato oggi l'esistenza di problemi di "non conformità" del decreto sull'emergenza rifiuti con la normativa comunitaria. E' quanto affermano, in una nota, Guido Sacconi (Pd), Roberto Musacchio (Rifondazione comunista) e Monica Frassoni (verdi), riferendo della risposta alle loro interrogazioni fornita questa mattina in Commissione Ambiente dall'esecutivo comunitario.

Nel mirino c'è ancora l'articolo 18, quello che riguarda l'estensione delle deroghe in materia di valutazione di impatto e di discariche. I problemi sono già stati segnalati alle autorità italiane, che sono chiamate ad emendare il testo durante l'iter parlamentare. I tre eurodeputati hanno chiesto alla Commissione europea "l'invio per iscritto delle modifiche richieste alle autorità italiane, invio che dovrebbe avvenire nei prossimi dieci giorni". Durante l'audizione, sempre secondo quanto riferito dagli europarlamentari, il funzionario della Commissione europea ha sottolineato che non è possibile addurre motivi di emergenza per la salute dei cittadini - in una situazione per altro molto grave - per andare oltre quelle norme che giustamente sono volte a proteggerla. Ed ha inoltre ribadito che non esistono ad oggi le condizioni per archiviare o sospendere la procedura di infrazione avviata contro l'Italia.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©