Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Un'altra norma a vantaggio esclusivo di Mediaset

Decreto TV: nuovo colpo alla TV satellitare


Decreto TV: nuovo colpo alla TV satellitare
21/01/2010, 19:01

ROMA - Il decreto TV, cosiddetto decreto Romani, continua a riservare sorprese. Ovviamente tutte a favore di Mediaset e contrarie a qualsiasi altra piattaforma. Dopo la norma che impone di avere l'autorizzazione governativa anche per chi vuole caricare un video su Youtube o sul proprio blog, si è scoperto un altro codicillo, che rappresenta un notevole danno per tutte le TV satellitari. SI tratta di una norma che vieta la trasmissione di film che sono qualificati come "vietati ai minori di 18 anni" e "visione riservata ai soli adulti" (praticamente i film pornografici) tra le 23 alle 7.30, sulla TV satellitare, anche se a pagamento. Inoltre i film qualificati come "vietati ai minori di anni 14" potranno essere trasmessi solo dalle 22.30 alle 7. Questo significa confinare gran parte dei film ad orario notturno. visto che nella categoria "vietato ai minori di 18 anni" ci sono i film di Pedro Almodovar o capolavori come "Full Metal Jacket" e nella categoria di "vietato ai minori di 14 anni" ci sono classici come "La febbre del sabato sera" o "Dirty Dancing". Il colpo è forte per tutta una serie di TV satellitari, che trasmettono film erotici o pornografici a pagamento tutta la giornata. Cinque di questi canali sono di Sky, ma ce ne sono anche molti altri. Senza contare che i canali tematici di Sky basati sui film - che hanno ben altri share, rispetto ai canali a pagamento di Mediaset Premium, che non riesce a decollare - verrebbero a subire molti colpi, dovendo rinunciare a larghe fette dei loro attuali palinsesti.
Insomma, il governo ha dichiarato guerra a tutta la TV satellitare e a tutto il web. E questo non solo danneggia l'economia italiana (basta pensare al giro di affari dei canali TV a pagamento in digitale e su satellite) ma riduce di molto anche la nostra libertà individuale. Ma a nessuno sembra interessare

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©