Politica / Regione

Commenta Stampa

Accordo di cooperazione tra la Federico II e la Cina

Delegazione di studenti universitari della Cina incontra il Governatore della Campania Caldoro

Centro congressi Federico II avrà sede Euromediterranea

.

Delegazione di studenti universitari della Cina incontra il Governatore della Campania Caldoro
01/06/2011, 14:06

NAPOLI – Il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro ha ricevuto una delegazione di studenti universitari della Central Cina Normal University guidata dal vicepresidente XIE Shouheng. Presenti al meeting : l’assessore regionale all’ università Guido Trombetti, il Presidente della delegazione interparlamentare Europa - Cina Enzo Rivellini, il consigliere diplomatico del Presidente Franceso Calogero. L’ incontro ha preso vita presso la sala giunta del palazzo della Regione Campania, dove si è discusso sull’ accordo di cooperazione tra la Federico II, guidata da Massimo Marrelli e la Central Cina Normal University con la quale si è deciso di intraprendere sinergicamente un discorso collaborativo nel campo della ricerca scientifica e della formazione, mediante lo scambio di docenti e ricercatori. Positivo all’ iniziativa si è mostrato il Presidente Caldoro che ha commentato: “ Con qesto acordo di straordinaria importanza, soprattutto nel campo dell’ alta formazione creiamo le condizioni per un ulteriore avvicinamento dei popoli e delle culture, per intensificare gli scambi tra le due università, al fine diassicurare agli studenti di entrambe le Nazioni conoscenze e esperienze delle due realtà”.Al plauso di Caldoro si è unito quello dell’ Assessore Trombetti che ha aggiunto:”Lo scambio di sapere e di internazionalizzazione delle competenze sono un investimento per la crescita dei territori, consapevoli di questo abbiamo sempre destinato grande attenzione al programma di cooperazione scietifica e tecnologica con le aree Cinesi”. “ L’ intesa odierna – ha dichiarato l’ Eurodeputato Rivellin – conferma il ruolo strategico che Napoli importante crocevia di culture diverse può svolgere in piena globalizzazione dei mercati avvicinando nazioni lontane ma affini”.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©