Politica / Parlamento

Commenta Stampa

DELL'UTRI: "MUSSOLINI ERA UN UOMO DI VALORE; L'ANTIFASCISMO E' OBSOLETO"


DELL'UTRI: 'MUSSOLINI ERA UN UOMO DI VALORE; L'ANTIFASCISMO E' OBSOLETO'
05/11/2008, 10:11

Il meno che si possa dire, del Senatore del PdL Marcello Dell'Utri, è che ama stupire coloro che ascoltano le sue interviste. Dopo avere definito Vittorio Mangano - boss della 'ndrangheta condannato a 20 anni di reclusione per spaccio di droga, associazione a delinquere di stampo mafiodo e altri reati, che fu presentato a Berlusconi da Dell'Utri e che per molti anni lavorò come stalliere ad Arcore - un eroe, ieri in una intervista ha sostenuto il fascismo e Mussolini. "Mussolini sbagliò, non c'è dubbio, ma quando era al potere lo Stato era più presente di quanto non lo sia adesso. Aveva dato, e in questo è stato l'unico, un senso di patria al Paese, che non c'era prima e non c'è stato neanche dopo", ha affermato il senatore siciliano, che poi ha rincarato la dose sostenendo che Mussolini era un uomo di valore, sia dal punto di vista umano che culturale. E parlando dell'antifascismo, l'ha definito "di per sé obsoleto, ma ritorna puntualmente in auge perché mancano nuovi argomenti seri di discussione e si finisce con il rivangare sempre gli stessi".

L'opposizione in Parlamento è insorta, chiedendo - attraverso il capogruppo del PD al Senato, Anna Finocchiaro - al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi di prendere le distanze da queste affermazioni. Ma è difficile che lo faccia, visto che lo stesso Berlusconi disse che "Mussolini in fondo non aveva fatto nulla, solo mandato qualche persona al confinio".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©