Politica / Napoli

Commenta Stampa

Denuncia alla Corte dei conti a Sindaco de Magistris per inadempienza gestione rifiuti


Denuncia alla Corte dei conti a Sindaco de Magistris per inadempienza gestione rifiuti
04/10/2013, 16:04

NAPOLI - Il Movimento Cinque Stelle di Napoli questa mattina ha presentato una denuncia esposto, presso la Procura Regionale della Corte dei Conti, nei confronti del sindaco di Napoli Luigi de Magistris per non aver attuato le direttive europee sulla raccolta differenziata.
Il Comune di Napoli avrebbe dovuto raggiungere l'obiettivo del 65% , ma è rimasto invece fermo al 21,20%, come rivelano i dati resi noti dall'ORR, Osservatorio Regionale dei Rifiuti. Il mancato raggiungimento dell'obiettivo minimo stabilito dall'EU non solo comporta un rischio per la salute dei cittadini, ma contribuisce al mancato ottenimento dei fondi stanziati da Bruxelles a favore del riciclaggio dei rifiuti.
Giova infatti ricordare che l'Italia ha recentemente perso per strada ben 46.000.000 di euro di contributi stanziati dalla Comunità Europea e, come se non bastasse, è stata condannata al pagamento delle spese di giudizio del ricorso presentato e rigettato. Queste penali gravano sulle tasche dei cittadini partenopei: i continui aumenti della TARSU sono in massima parte cagionati proprio dalle infrazioni delle direttive europee da parte dell'Amministrazione Comunale di Napoli nella gestione del ciclo dei rifiuti.
A ciò va aggiunto che già da diversi anni la tariffa TARSU ha subito continui e notevoli aumenti, dovuti proprio alle infrazioni delle direttive europee da parte dell'Amministrazione Comunale di Napoli nella gestione dei rifiuti. Ulteriore nocumento deriva alla cittadinanza dalla mancata messa in opera di soluzioni volte alla riduzione della quantità di rifiuti urbani prodotti, primo passo necessario all'attuazione di un ciclo virtuoso dei rifiuti. In questo senso a nulla sono valse le continue sollecitazioni da parte di cittadini e comitati. Da qui il ricorso alla denuncia presentata questa mattina dal Movimento 5 Stelle alla Procura Regionale della Corte dei Conti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©