Politica / Politica

Commenta Stampa

Depurazione Golfo di Napoli: Marevivo incontra il Presidente D'Alì


Depurazione Golfo di Napoli: Marevivo incontra il Presidente D'Alì
27/10/2011, 14:10

27 ottobre 2011 – La gestione ed il futuro del Sarno, dopo la scadenza del commissariamento, è uno degli interrogativi posti al presidente della Commissione Ambiente del Senato, Antonio D’Alì. Continua così l’impegno di Marevivo per il Golfo di Napoli: a Capri, dopo la tre giorni “Sole vento e mare – energie rinnovabili e paesaggio”, l’associazione ambientalista, attraverso il proprio comitato tecnico scientifico coordinato dall’ingegnere Gualtiero Parisio, ha illustrato al sen. Antonio D’Alì, Presidente della Commissione Ambiente del Senato della Repubblica, un complesso e delicato rapporto sullo stato drammatico della depurazione del Golfo.

I temi affrontati durante l’incontro, svoltosi presso la sala consiliare del Comune di Capri, alla presenza del sindaco Ciro Lembo, del consigliere comunale Alessandro Esposito e dell’assessore all'ambiente di Anacapri, Massimo Coppola, sono stati: la depurazione del Golfo di Napoli nel suo complesso, il bacino fiume Sarno con riferimento al grado di attuazione del programma di disinquinamento al momento delle dimissioni del generale Jucci da Commissario di Governo, l’impianto di depurazione Napoli Est ed, infine, il disinquinamento del Porto di Napoli.

Al termine della riunione, il Senatore D’Alì si è espresso a favore - dato il mancato raggiungimento degli obiettivi – del prolungamento per altri 2 anni del commissariamento per il fiume Sarno, la cui scadenza è prevista per il prossimo dicembre, ma con un preciso cronoprogramma ed affiancato da un organo di controllo a cadenza trimestrale, che preveda la partecipazione attiva di associazioni in rappresentanza dei cittadini.

Ha inoltre auspicato che il lavoro del commissario si svolga in stretta sinergia con chi gestirà, al termine dell’emergenza, la depurazione delle acque del Sarno, in modo da non avere, quando avverrà il passaggio di competenze, una mancanza di conoscenza su un tema così complesso.

Il senatore D’Alì ha promesso nuove audizioni presso la 13esima Commissione, che ha già aperto un’istruttoria sull’inquinamento del Sarno e che verrà aggiornata alla luce del rapporto consegnato dai rappresentanti di Marevivo. L’obiettivo è giungere velocemente ad un quadro completo che dia la possibilità di agire urgentemente alla soluzione degli annosi problemi.

L’incontro - ennesima tappa del percorso di Marevivo, in qualità di portavoce di un Coordinamento di sindaci, esperti, ricercatori ed imprenditori per il recupero del mare partenopeo – rappresenta la speranza per la ripresa di un interesse politico sulla drammatica situazione in cui versa il Golfo di Napoli, dopo la battuta d’arresto con le istituzioni territoriali.

A giugno Marevivo, grazie agli studenti del liceo artistico di Sorrento, ha realizzato e presentato ai media e al sindaco Luigi De Magistris il plastico tridimensionale “Il Golfo di Napoli nella morsa degli scarichi killer” che riproduce lo stato della depurazione e degli scarichi del Golfo (dai Regi Lagni a Punta Campanella, comprese le isole di Ischia, Capri e Procida) e che, in questi mesi, è diventato “plastico itinerante” proprio per mettere sotto gli occhi di tutti i cittadini la drammatica situazione del mare di Napoli e renderli partecipi del suo risanamento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©