Politica / Regione

Commenta Stampa

Ma il Sindaco contesta la decisione

Desio: 3 consiglieri indagati, si dimette l'intero Consiglio Comunale


Desio: 3 consiglieri indagati, si dimette l'intero Consiglio Comunale
26/11/2010, 16:11

DESIO (MONZA E BRIANZA) - A Desio, comune in provincia di Monza e Brianza, la giunta è caduta per le dimissioni in massa della maggior parte dei consiglieri comunali. Il tutto è stato dovuto al fatto che ben tre consiglieri, tutti del Pdl, sono rimasti coinvolti nelle recenti indagini sulla 'ndrangheta in Lombardia. Si tratta del presidente del Consiglio comunale, Nicola Mazzacuva; del consigliere comunale Natale Marrone; dell'ex assessore provinciale Rosario Perri. Di conseguenza tutti i consiglieri di opposizione e quelli della Lega Nord hanno presentato le proprie dimissioni, causando la caduta anche della Giunta.
Ma il sindaco, Giampiero Marani, anche lui del Pdl, contesta la decisione dei dimissionari: "Il consiglio comunale di Desio non viene sciolto da organi governativi per sospette infiltrazioni malavitose, ma per una scelta di natura politica di alcuni consiglieri che si assumeranno la responsabilità di aver infangato l'onorabilità degli amministratori e l'immagine della città. Prendo atto della grave e irresponsabile decisione dei consiglieri del Pd, Italia dei Valori, Desio viva, Movimento 5 Stelle e Lega Nord Padania in un momento in cui le istituzioni hanno il dovere di contrastare unite l'ndrangheta e di garantire la massima trasparenza nella confusione strumentalmente generata".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©