Politica / Politica

Commenta Stampa

Il governo sembra non sapere dove sbattere la testa

Di Maio e Conte: "Nessuna manovra correttiva, ma quota 100 e rdc non si toccano"


Di Maio e Conte: 'Nessuna manovra correttiva, ma quota 100 e rdc non si toccano'
06/06/2019, 16:41

ROMA - Mentre il Ministro degli Interni Matteo Salvini insulta la maggior parte degli italiani, asserendo: "Sono tutti figli miei" (chi non si vergognerebbe di un padre che insulta, che incita all'odio e che non restituisce 49 milioni?, ndr), il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte - dal Vietnam, dove è in un viaggio ufficiale - cerca di stemperare i toni, limitandosi a dire che "Quota 100 e reddito di cittadinanza rimangono intatte, verranno attuate integralmente". Lo stesso il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio: "La lettera dell'Europa ci dice delle cose da fare, noi dobbiamo rispondere con educazione ma non siamo disposti a fare come si è fatto negli ultimi anni, cioè tagliare i servizi ai cittadini". Naturalmente non poteva mancare il leit motiv del M5S: "Questa è una procedura di infrazione che inizia sul debito del 2018, quando ancora il reddito di cittadinanza e Quota 100 non c'erano. Nel 2018 vigeva la legge di bilancio di Gentiloni". Che è la versione aggiornata del "E allora il PD?" con cui ci martellano da quando il loro partito è nato. In realtà, Di Maio dimentica che il governo di cui fa parte si è insediato il primo giugno del 2018. E quindi anche lui ha contribuito ad aumentare il debito pubblico, per esempio con il dl Crescita di cui si vanta 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©