Politica / Politica

Commenta Stampa

Ma ci sono diversi mal di pancia nel partito

Di Maio e i capigruppo gestori dei soldi degli stipendi dei parlamentari M5S


Di Maio e i capigruppo gestori dei soldi degli stipendi dei parlamentari M5S
16/03/2019, 07:56

ROMA - Non soddisfatti del fatto che alcuni parlamentari non hanno versato i soldi come imposto da Casaleggio, M5S crea un "Comitato per i rimborsi e le restituzioni dei portavoce", incaricato di ricevere i soldi dei parlamentari (1000 euro al mese) destinati ai cosiddetti "Restitution Day"; cioè quelle buffonate quando i grillini promettono di regalare soldi a destra e a sinistra. I soldi inoltre verranno depositati su un conto intestato a Luigi Di Maio e ai due capigruppo di Camera e Senato (Patuanelli e D'Uva). Sul blog, i grillini scrivono che i soldi verranno utilizzati previa votazione sulla piattaforma Rousseau; ma si sa che questa non è una garanzia visto che i risultati di quelle votazioni non sono nè affidabili nè certificati. 

E infatti sono molti i parlamentari che non hanno apprezzato il fatto che i soldi vadano su un conto corrente privato, del quale nessuno può sapere come verrà utilizzato. E poi ci sarebbe anche un problema più generale: chi ha deciso questa modifica? Di Maio? Casaleggio? Non si sa. Mentre si sa che nessuno dei grillini è stato informato di questa scelta nè ha votato per approvarla. Dimostrando per l'ennesima volta che parole come trasparenza e democrazia si fermano, quando ci sono decisioni  importanti da prendere. Allora c'è solo l'autoritarismo di Casaleggio, che fa e disfa a suo piacimento. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©