Politica / Politica

Commenta Stampa

Istat: a novembre produzione al -2,7%

Di Maio: "Siamo alle soglie di un nuovo boom economico"


Di Maio: 'Siamo alle soglie di un nuovo boom economico'
11/01/2019, 16:35

MILANO - Oggi il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio è andato agli Stati generali dei consulenti del lavoro, dove ha rilasciato dichiarazioni decisamente sorprendenti. Nonostante tutti i dati economici dell'Italia siano girando verso il negativo e nonostante le previsioni per il futuro siano decisamente poco incoraggianti, Di Maio ha detto: "Un nuovo boom economico potrebbe rinascere: negli anni '60 avemmo le autostrade, ora dobbiamo lavorare alla creazione delle autostrade digitali". E poi ha aggiunto: "L'Italia deve essere in prima linea in questa fase di trasformazione, facendo il nostro Paese una smart nation". 

In realtà sarebbe inutile spiegare a quel luminare dell'economia che è Luigi Di Maio che il boom economico degli anni '60 non venne grazie alle autostrade, ma semplicemente perchè si stava finendo di ricostruire l'Italia dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e c'era spazio per molte aziende. Inoltre i salari salivano più velocemente dell'inflazione e questo consentiva di aumentare i consumi e quindi il Pil e l'occupazione. Situazione completamente opposta oggi. E non basterà parlare di "autostrade digitali" per aumentare il Pil.

E a conferma di quanto sia sbagliata la previsione di Di Maio, ci sono i dati Istat: a novembre la produzione industriale è calata del 2,6% rispetto al novembre 2017 e dell'1,6% rispetto ad ottobre. Si tratta di un calo generale, che riguarda quasi tutti i settori. Il settore dove il calo è più evidente è quello delle auto, con un crollo di quasi il 20% rispetto al novembre 2017. Tra i pochi settori in positivo, quello alimentare e quello farmaceutico. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©