Politica / Regione

Commenta Stampa

Di Monda: "PIN appoggia Gianni Lettieri"


Di Monda: 'PIN appoggia Gianni Lettieri'
23/05/2011, 11:05

''Oggi ci troviamo a dover prendere una decisione importante. Nell’arco della mia candidatura ho sempre detto che la nostra società civile avrebbe appoggiato, se si fosse arrivati al ballottaggio, l'esponente che avrebbe espresso interesse a mettere in atto uno dei nostri punti di programma: i trasporti. Questo candidato si chiama oggi Gianni Lettieri''. Cosi' Raffaele Di Monda, candidato a sindaco al primo turno con il Pin, annuncia oggi la sua indicazione di voto per il ballottaggio per Gianni Lettieri. Di Monda sottolinea come la decisione sia arrivata al termine di ''una campagna elettorale lunga tre anni, con un unico desiderio, portare Napoli alla conquista della normalita''. Il 40enne avvocato napoletano ricorda il periodo che lo ha accompagnato dalla nascita dell’Associazione Ego di Napoli, della quale lui era il presidente, alla evoluzione al movimento politico chiamato Pin. Tre anni vissuti insieme alla società civile, con un gruppo di persone comuni che elegge Di Monda leader e che si rimbocca le maniche decidendo di scendere in campo con la pubblicazione di un libro: ''Attiva Napoli, inserisci il Pin'', che racchiude il meglio di 30 città europee e non (servizi, infrastrutture, politiche sociali, sicurezza) dettando così i punti fondamentali del programma elettorale del candidato sindaco Di Monda. ''Il nostro libro che da voce ad una sana società civile napoletana - spiega Di Monda - ha suscitato interesse, portando, così, Lettieri a sposare l’idea di questo appoggio programmatico, e la realizzazione del progetto trasporti, uno dei punti cardine per portare Napoli alla conquista della normalità''.
L'appoggio di Di Monda e' stato apprezzato da Gianni Lettieri: ''Raffaele - spiega il candidato sindaco - rappresenta l'impegno della societa' civile, come me non e' un politico di professione ma ha deciso di metterci la faccia per dare una svolta a Napoli. Il suo sostegno contribuira' al rinovamento della citta' dopo dieci anni di abbandono''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©