Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Serve a capire chi è il candidato premier"

Di Pietro: "Alle elezioni con il mio nome nel simbolo"

Su Monti: "Se vuole governare, vada dagli elettori"

Di Pietro: 'Alle elezioni con il mio nome nel simbolo'
12/09/2012, 12:23

Il nome nel simbolo di partito. C'è chi lo toglie, c'è chi lo mette. Questione di ideali, ma anche di strategie politico-elettorali. Per un Casini che toglie dal marchio UDC il suo nome, c'è un Di Pietro che nel simbolo dell'IDV inserisce il suo. "Serve a indicare ai cittadini chi è il candidato premier", specifica l'ex magistrato, intervenendo alla trasmissione "Citofonare Adinolfi" di Radio Ies condotta dal deputato-blogger del PD Mario Adinolfi. Di Pietro lancia la sua idea di campagna elettorale, e non risparmia frecciate a destra e manca.

SU MONTI – No al Monti bis. Soprattutto se dettato dall’inerzia di una politica che non sa riprendersi il proprio ruolo. Sull’idea di un nuovo mandato per il professore, Di Pietro spiega: "L'idea che uno debba diventare presidente del Consiglio senza avere l'autorizzazione dei cittadini è da regime democratico e va combattuta e contrastata". "Monti, se vuole presentarsi al Paese, vada dagli elettori e vediamo se otterrà i voti per governare - ha aggiunto il leader dell'Idv - Il fatto che bisogna votarlo, semplicemente perché non si riesce a raggiungere un accordo tra i partiti, rappresenta un commissariamento della democrazia.”

SU BERSANI – Coalizione con il Partito Democratico? Non sembra essere la soluzione scelta da Di Pietro. Il candidato premier vuole essere lui, e di certo non prova stima per l’area PD. Eccetto per l’attuale leader, Pierluigi Bersani: "Non conosco Renzi, - dice Di Pietro - ma ho avuto Bersani come collega di governo e l'ho conosciuto come persona pragmatica, corretta, che si assume le proprie responsabilità". Chiaro per chi tiferà alle prossime primarie del partito di centrosinistra.

SU GRILLO – “Grillo andrà da solo. – ammette Di Pietro - Io rispetto la discussione nel movimento Cinque Stelle. Conosco bene Casaleggio, ha collaborato con me e mi ha introdotto a molti aspetti della rete. Anche se io ricordo che già da Pm usavo il Pc, quando Internet ancora non c'era".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©