Politica / Parlamento

Commenta Stampa

DI PIETRO DURO COL PD, LA PETIZIONE NON SERVE SI DOVEVA FARE REFERENDUM CONTRO LEGGE SALVA-PREMIER


DI PIETRO DURO COL PD, LA PETIZIONE NON SERVE SI DOVEVA FARE REFERENDUM CONTRO LEGGE SALVA-PREMIER
19/08/2008, 15:08

La petizione del Partito democratico, che fino ad ora ha raccolto un milione di firme, per “fermare” il governo Berlusconi non piace ad Antonio Di Pietro, il leader dell’Italia dei Valori ritiene che sarebbero bastate la metà delle firme raccolte per avere gennaio-febbraio la possibilità di fare il referendum per abrogare la legge salva-premier".
Una raccolta firme che, sempre secondo Di Pietro, “dice tutto e che non serve a niente, perché resteranno firme sulla carta”. In un'intervista al quotidiano on line 'Affaritaliani.it', c’è l’attacco a Walter Veltroni: "Questa è la differenza tra noi e il Partito democratico: loro raccolgono firme a vuoto, noi facciamo opposizione vera. Cominciamo il 12, 13 e 14 settembre alla festa di Vasto dove lanceremo il nostro referendum, perché noi gli impegni con gli elettori e i cittadini li manteniamo".

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©