Politica / Napoli

Commenta Stampa

Dichiarazione presidente Commissione Beni Comuni Grimaldi si Stazione Dohrn


Dichiarazione presidente Commissione Beni Comuni Grimaldi si Stazione Dohrn
06/07/2012, 14:07

Amodio Grimaldi, Presidente della Commissione Consiliare Permanente ai Beni Comuni, nell'apprendere che il Governo centrale, a due anni di distanza, tenta di nuovo col decreto taglia spese, lo spending review, di sopprimere la Stazione zoologica Anton Dohrn, sita nella Villa comunale di Napoli, esprime il proprio disappunto verso tale provvedimento, in quanto è un durissimo ed ennesimo colpo che si dà alla cultura scientifica napoletana.

“La Stazione zoologica Anton Dohrn, infatti, ritenuta sin dal 1872 in tutto il mondo tra i più importanti Istituti di ricerca nei settori della biologia marina e dell'ecologia, è stata ed è a tutt'oggi faro per gli studenti italiani e stranieri, che scelgono la ricerca, nonostante il mercato del lavoro non offra loro alcuna opportunità di “alti guadagni” in questo settore. Così il Governo dei tecnici risolve i problemi della crisi nazionale! Sopprimere centri d'interesse culturale scientifico, per risparmiare spese irrisorie, e togliere grandi aspettative alle giovani intelligenze che si affacciano nella ricerca marina, invece di combattere l'evasione fiscale dei grandi patrimoni e proporre occasioni alternative nel lavoro per far riprendere l'economia italiana. Preferisce, infatti, che i “nostri cervelli” scappino via ed altre nazioni usufruiscano dei risultati dei loro studi.
Tutto ci si poteva aspettare da un Governo di “Professori“, luminari dell'economia e della cultura, figli della “Bocconi” , tranne che dessero un altro colpo alla Città di Napoli.
Noi, rappresentanti delle Istituzioni Napoletane, non ci arrenderemo, ma difenderemo con tutte le nostre energie la storia e la cultura scientifica di Napoli, ritenendo la stessa un intoccabile bene comune, patrimonio dell'umanità.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©