Politica / Napoli

Commenta Stampa

Discarica abusiva via Brecce a Sant’Erasmo, la municipalità: “Denunceremo il Comune"


Discarica abusiva via Brecce a Sant’Erasmo, la municipalità: “Denunceremo il Comune'
26/11/2012, 15:12

Una discarica abusiva in via Brecce a Sant’Erasmo, nella zona industriale, a pochi passi da aziende e abitazioni private. E, soprattutto, a ridosso di un campo rom. A lanciare l’allarme è Armando Coppola, presidente della quarta municipalità, che dichiara: “Sono mesi che denunciamo quella situazione al Comune di Napoli. Ad ogni ora del giorno vengono sversati materiali nocivi, rifiuti speciali e suppellettili davanti alla sede di una ditta di auto. Ma nessun provvedimento è stato preso in tal senso. Mesi fa, nel corso di una riunione congiunta con i presidenti di tutte e dieci le municipalità, l’ex assessore Narducci presentò il piano sicurezza che doveva prevedere l’installazione di impianti di video sorveglianza in ogni quartiere della città. Ebbene nell’area compresa tra zona industriale e Poggioreale di telecamere non c’è nemmeno l’ombra. Quello che sarebbe l’unico deterrente – insiste Coppola – contro prostituzione e smaltimento illegale di rifiuti tossici non viene applicato dall’amministrazione comunale. Ecco perché – fa sapere il presidente della municipalità – nei prossimi giorni denunceremo il Comune alla Procura della Repubblica per reato ambientale”. Alla denuncia della municipalità si unisce la voce del titolare dell’azienda che affaccia su quello scempio, Gianluca Tortora: “Il Comune ci ha risposto che per rimuovere ogni volta quei rifiuti la spesa ammonta a 30.000 euro. È per questo che, nel tentativo di scoraggiare i trasgressori, abbiamo affisso dei cartelli con l’indicazione della presenza di telecamere. Ma, ovviamente, non è servito”. “Cosa costerebbe di più al Comune – gli fa eco Coppola – smaltire con 30.000 euro ogni volta quei rifiuti oppure installare due impianti di video sorveglianza?”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©