Politica / Regione

Commenta Stampa

Dl salute, Calabrò: "senza sblocco turn over, a rischio approvazione del decreto"


Dl salute, Calabrò: 'senza sblocco turn over, a rischio approvazione del decreto'
17/10/2012, 18:01

"Doveva essere la Riforma della sanità e invece l'intervento di chirurgia invasiva del Mef ha ridotto il cosiddetto Decreto Salute a pochi elementi innovativi, ben al di sotto delle aspettative. Con la scusa della mancanza di fondi si sopprimono qua e là disposizioni che avrebbero fatto realmente la differenza nella qualità dell'assistenza sanitaria nel nostro Paese. Eppure il Governo sa bene che senza soldi non si cantano messe né tanto meno si fanno riforme ".

E' il commento del senatore Raffaele Calabrò, Membro della Commissione Sanità.  

"Con la formuletta "maggiori oneri non quantificabili e non coperti",  per le Regioni in Piano di rientro si è ridotta la deroga al blocco del turn over ad un misero e inutile 15%, previa verifica positiva ai tavoli tecnici. Con un piccolo sforzo di volontà si poteva tentare di quantificare quei maggiori oneri, peraltro già attualmente coperti, considerato che la spesa prevista per l'assunzione di nuovi  medici corrisponde, euro più, euro meno, a quanto si spende oggi per pagare contratti, autoconvenzionamenti e straordinari e in compenso si sarebbe garantito ai cittadini il diritto alla salute"-  prosegue il parlamentare campano -.

In assenza di apertura del Governo sul tema del personale, mi vedrei costretto a non votare la fiducia a un decreto che a dispetto del nome, in nessun modo promuove un più alto livello di tutela della salute, conclude Calabrò. 

Commenta Stampa
di Giulia Varriale
Riproduzione riservata ©