Politica / Napoli

Commenta Stampa

Domani a Napoli la III edizione del premio Ammaturo


Domani a Napoli la III edizione del premio Ammaturo
12/07/2012, 14:07

Il 15 luglio di trenta anni fa, a Piazza Nicola Amore, il Vice Questore, Primo Dirigente della Polizia di Stato, Dr. Antonio Ammaturo, veniva ucciso dalle Brigate Rosse. Da allora e per non dimenticare l’esempio di un grande poliziotto, medaglia D’Oro al Valor Civile, il 15 luglio è diventato il giorno della memoria. Nell’attentato perse la vita anche il suo autista, l’Agente Scelto della Polizia di Stato Pasquale Paola, il poliziotto che aveva al suo fianco e con il quale cui si stava recando in Questura.



Il suo esempio di coraggio ed abnegazione è diventato negli anni orgoglio per la comunità civile di Napoli che intende così ricordarlo alle future generazioni.



Il poliziotto di ferro, come tanti lo amano ricordare, verrà commemorato domani 13 luglio, alle ore 10.00, presso il teatrino di Corte di Palazzo Reale, dove si svolgerà altresì la III edizione del Premio Ammaturo - Legalità – Città di Napoli, moderato dalla giornalista di “La Repubblica” Conchita Sannino.



L’allora Capo della Squadra Mobile verrà ricordato alla presenza del Vice Capo della Polizia Prefetto Francesco Cirillo Direttore Centrale della Polizia Criminale, del Prefetto di Napoli Andrea De Martino, del Questore di Napoli Luigi Merolla, del Presidente del Tribunale di Napoli Carlo Alemi e di altre autorità civili e militari. Saranno inoltre presenti le figlie di Antonio Ammaturo.



Il Premio, che anche quest’anno è stato realizzato dall’artista napoletano Lello Esposito scultore e pittore di culto, sarà assegnato alla squadra Investigativa del Commissariato di Polizia “Scampia” per l’Operazione Murena.



Saranno premiate con degli attestati, anche le squadre investigative del Commissariato di Ponticelli e Portici – Ercolano.



Durante la fase delle premiazioni, sarà diffuso un video di presentazione del Maestro Lello Esposito seguito poi dalle riprese di alcuni momenti fondamentali dell’Operazione Murena.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©