Politica / Napoli

Commenta Stampa

Domani presidio fuori palazzo san Giacomo dei lavoratori di Edenlandia e dello Zoo di Napoli


Domani presidio fuori palazzo san Giacomo dei lavoratori di Edenlandia e dello Zoo di Napoli
19/12/2012, 14:48

Domani dalle 10 del mattino i lavoratori di Edenlandia e dello Zoo di Napoli organizzeranno un presidio dinanzi a Palazzo Sangiacomo sede della Giunta Comunale cittadina. “La manifestazione – spiega Massimo Taglialatela segretario generale Uilcom Campania – si rende necessaria per far avvertire alle istituzioni cittadine il fiato sul collo da parte dei lavoratori e la forte preoccupazione delle OO.SS. in vista del cda dell’Ente Mostra D’Oltremare che venerdì 21 si riunirà in mattinata per decidere se dare o meno il parere favorevole all’offerta che pare sia pervenuta alla Curatela da parte di una società londinese nell’ambito del fallimento della società Parks&Leisure”.

Venerdi prossimo, infatti, il cda della Mostra D’Oltremare si riunirà per analizzare nel dettaglio la proposta di acquisto del Parco di Edenlandia e del Giardino Zoologico di Napoli che pare sia stata formalizzata ufficialmente alla Curatela fallimentare nominata dal Tribunale di Napoli da parte di una società non ben definita che avrebbe sede nel Regno Unito. Questo comporterebbe però, prima dell’assegnazione definitiva da parte della Magistratura all’ipotetico nuovo acquirente, il parere favorevole della Mostra che sarebbe chiamata in causa nella vicenda per ciò che riguarda i canoni locatori visto che è proprietaria dei suoli.

“Siamo alla stretta finale – prosegue il sindacalista Uil – ora si tratta di capire se veramente il Comune di Napoli, che ha partecipazioni e quote in Ente Mostra, voglia fare la sua parte fino in fondo spingendo verso la definizione della vicenda con l’ok della Mostra D’Oltremare, oppure se tutto il percorso relazionale di questi mesi, durante i quali i lavoratori hanno fruito degli ammortizzatori sociali e dell’esercizio provvisorio per scongiurare la chiusura definitiva, non sia servito a nulla. Come organizzazioni dei lavoratori – ha poi concluso Taglialatela - auspichiamo che tutti i soggetti coinvolti nella vicenda si assumano fino in fondo le proprie responsabilità e che si possa dare il via alla conclusione positiva dell’esercizio provvisorio ed all’ingresso di capitali nuovi che rilancino la fallita Parks&Leisure, offrendo nuovamente alla cittadinanza in tempi ragionevoli un nuovo parco giochi ed un giardino zoologico avveniristico ed in linea con quelli all’avanguardia delle principali capitali europee, salvaguardando con ciò ovviamente ogni singolo posto di lavoro”. Il Sindacato rende noto che sta valutando l’ipotesi di effettuare un presidio anche per il giorno successivo, questa volta però dinanzi ai cancelli della Mostra D’Oltremare mentre si svolgerà il cda previsto per la decisione finale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©