Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sacconi: "Notizie infondate"

Donne, l'età per la pensione aumenta di un anno

Ulteriore incremento previsto per gennaio 2014

Donne, l'età per la pensione aumenta di un anno
28/06/2011, 19:06

ROMA - L'età per la pensione di vecchiaia delle donne del settore privato, oggi prevista a 60 anni, aumenta di un anno. Una norma riportata nella bozza della manovra, smentita però dal ministro del welfare Maurizio Sacconi. Per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome, il requisito anagrafico di sessanta anni è incrementato di un anno a decorrere dal 1° gennaio 2012, come si legge nel provvedimento, ferma restando la disciplina sull'adeguamento automatico alla speranza di vita. Per gennaio 2014 è previsto un ulteriore aumento. Per ogni biennio successivo si verificherà l'aumento di un anno fino ad arrivare a 65 anni. Le lavoratrici che abbiano maturato entro il 31 dicembre 2011 i requisiti di eta' e di anzianita' contributiva previsti dalla normativa vigente prima della data di entrata in vigore delle nuove disposizioni, conseguono il diritto alla prestazione pensionistica secondo la predetta normativa e possono chiedere all'ente di appartenenza la certificazione di tale diritto. Fino all'ultima ora la bozza della manovra può essere modificata. Ma Sacconi avverte: "Le notizie sono semplicemente infondate".

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©