Politica / Regione

Commenta Stampa

Doppia intesa tra Entrate e Regione Campania: Passaggio di testimone per le esenzioni tasse auto


Doppia intesa tra Entrate e Regione Campania: Passaggio di testimone per le esenzioni tasse auto
13/01/2012, 16:01

Novità in materia di tasse automobilistiche in Campania. Dal 1° gennaio 2012, la competenza nella concessione del regime di esenzione e di sospensione dall’obbligo di pagamento della tassa automobilistica passa alla Regione Campania.

Fase di transizione per il passaggio delle competenze sulle esenzioni tasse auto - La fase di transizione sarà gestita parallelamente, in base all’intesa stipulata tra il Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate Enrico Sangermano e l’Assessore al bilancio della Giunta Regionale della Campania Gaetano Giancane, che prevede di realizzare uno specifico canale informativo dedicato all’informazione sul passaggio di competenze dall’Agenzia delle Entrate alla Regione Campania.

Gli Uffici dell’Agenzia si impegnano ad accettare, fino al 31 marzo 2012, le istanze di esenzione e la relativa documentazione prodotta ai loro sportelli.

Per le istanze presentate al 31 dicembre 2011, per le quali non sia stato ancora emesso il relativo provvedimento di concessione/diniego dell’agevolazione, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate si impegnano a trasmettere i relativi atti, corredati di uno specifico parere sulla concessione o diniego del beneficio.

Rinnovo Irap – Nella stessa giornata, è stata anche rinnovata la convenzione annuale per la gestione dell’Irap e dell’addizionale regionale dell’Irpef, in base alla quale gli uffici dell’Agenzia si impegnano a garantire: l’assistenza necessaria ai contribuenti per la corretta applicazione delle imposte e per gli adempimenti connessi; la liquidazione delle imposte sulla base delle dichiarazioni presentate; l’accertamento dell’imponibile non dichiarato e delle relative imposte dovute; la tutela avanti agli organi del contenzioso per le eventuali controversie relative alle imposte; l’esercizio delle attività di autotutela; la riscossione spontanea e coattiva; l’esecuzione dei rimborsi spettanti ai contribuenti.

L’accordo prevede inoltre la partecipazione di funzionari della Regione a corsi di formazione in materia fiscale organizzati dall’Agenzia delle Entrate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©