Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Incassano 10 mila euro al mese, quanto un parlamentare

Ecco come il Pdl compra i deputati, le storie di Pottino e Gabana


Ecco come il Pdl compra i deputati, le storie di Pottino e Gabana
28/09/2010, 09:09

ROMA - Si parla molto della compravendita dei deputati che il Pdl sta facendo in Parlamento, soprattutto dopo le denunce fatte da due deputati dell'Italia dei Valori che sono stati contattati e a cui sono stati offerti soldi ed elezione assicurata alle prossime elezioni.
E spunta anche un esempio concreto: Marco Pottino e Albertino Gabbana, ex deputati leghisti. Vennero eletti nel 2006 nelle file della Lega Nord, nella zona di Pordenone, il primo alla Camera dei Deputati e il secondo al Senato. Poi sorgono contrasti con il partito e i due decidono di lasciare il gruppo della Lega e di andare nel gruppo misto. Ma al Senato nella legislatura 2006-2008 anche un voto conta. E Gabbana è un voto in meno per il Pdl e uno in più - spesso - per il governo Prodi. Allora i due vengono contattati da emissari di Forza Italia - Pottino a Repubblica fa esplicitamente il nome di Elio Vito, capogruppo di Forza Italia allora alla Camera - per ottenere un nuovo cambio di casacca. La promessa è quella di un posto sicuro nella legislatura che sarebbe iniziata nel 2008 o, nel caso non fossero stati eletti, una retribuzione economica di pari livello.
E così avviene: i due accettano, il governo Prodi cade e si va ad elezioni, dove però gli ex leghisti sono il primo e il secondo dei non eletti alla Camera in Friuli. A dicembre Gabbana e Pottino firmano due distinti contratti di consulenza, con il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto, del valore di 120 mila euro lordi annuali "fino al termine della XVI legislatura". Sarà un caso, ma è la somma esatta che percepisce un parlamentare in un anno, tra diaria e indennità. Allora, visto che hanno questo contratto col Pdl, anzi, col suo capogruppo alla Camera, saranno conosciutissimi a Roma, no? Decisamente no. Restano a casa loro, in Friuli a "lavorare sul territorio". E ad intascare 10 mila euro al mese per non fare nulla. Ovviamente soldi pubblici; mica si pretenderà che il Pdl faccia sborsare a Berlusconi i soldi per queste compravendite?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©