Politica / Regione

Commenta Stampa

Il neo sindaco di Napoli ha scelto, salvo imprevisti

Ecco la nuova giunta de Magistris: Prof, PM, Fedelissimi e Quote rosa


Ecco la nuova giunta de Magistris: Prof, PM, Fedelissimi e Quote rosa
11/06/2011, 16:06

Lunedì verrà presentata la giunta comunale di Luigi De Magistris. Le certezze della prima ora sembrano essere confermate con le nomine di Tommaso Sodano all’ambiente, Marco Esposito allo Sviluppo, Riccardo Realfonzo al Bilancio-Partecipate, Alberto Lucarelli ai beni comuni, Sergio D’Angelo alle politiche sociali e Giuseppe Narducci alla sicurezza e alla trasparenza degli appalti. Su Narducci e D’angelo il sindaco ci ha giocato la faccia. Il primo, pubblico ministero in aspettativa e criticato fortemente negli ultimi giorni dall’ANM per la sua scelta di coordinare un assessorato, il secondo ha dato man forte a Luigi De Magistris virando le critiche rivolte alla scorsa giunta di palazzo San Giacomo sul Governo nazionale per i mancati pagamenti dei debiti del comune verso il terzo settore. Luigi de Magistris ha saldato in anticipo un debito con chi ha schierato i bisognosi dalla sua parte nella fase del ballottaggio. Le altre nomine riguardano Giuseppina Tommasielli alle politiche giovanili e Bernardo Tuccillo al patrimonio, Alessio Postiglione, spin doctor vincente nella campagna elettorale, entrerà a far parte dello staff politico del nuovo sindaco, Marzia Bonacci, invece, continuerà ad affiancare Luigi de Magistris nel ruolo di portavoce: tre fedelissimi dell’ex europarlamentare sin dagli albori della sua carriera politica che non tradiranno l’ex pm anche in caso di cattive acque. Le quote rosa della giunta de Magistris si completano con le designazioni di Antonella Di Nocera alla Cultura, presidente di Arcimovie, molto attiva sui problemi delle periferie e di Annamaria Palmieri all’educazione. Anna Donati potrebbe occuparsi dei trasporti, del Giudice subentrerà al dimissionario Fortini nell'ASIA.  A chiudere il quadretto del nuovo esecutivo campano c’è il neo assessore all’urbanistica Luigi de Falco, architetto e quindi un tecnico che dovrà risolvere gli atavici problemi della città partenopea in seno all'urbanistica e mai risolti dopo Lauro.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©