Politica / Politica

Commenta Stampa

Economia, Paternostro (PPI): “è la crisi a rendere difficile la vita delle famiglie”


Economia, Paternostro (PPI): “è la crisi a rendere difficile la vita delle famiglie”
30/09/2011, 11:09

La diminuzione del potere d’acquisto, così come segnalato dall’Istat, è la diretta conseguenza della pesantissima crisi economica che sta attraversando il Paese. – ha dichiarato la Vicesegretaria del Partito Pensionati per l’Italia, Anna Paternostro – I redditi non riescono più a tenere il passo con la spesa per i consumi e questo impoverisce la capacità di risparmio delle famiglie, in sintesi, vi è l’aumento del costo della vita, e l’aumento del reddito dello 0,5% non riesce a coprire l’impennata dei prezzi, soprattutto per quei prodotti a più largo consumo.
Il potere d’acquisto delle famiglie è diminuito notevolmente – ha proseguito PATERNOSTRO – e questo crea problemi gravissimi non solo a chi un reddito non lo ha più, ma anche a chi ha redditi modesti, che già stentava ad affrontare le spese quotidiane della famiglia.
Vi è anche l’esaurimento dei risparmi delle famiglie: in questi mesi si è dato fondo a tutto ciò che si è economizzato nel tempo per fronteggiare le varie situazioni economiche che si sono presentate – ha rimarcato PATERNOSTRO – ed ora cominciano i problemi veri, soprattutto per quelle famiglie che hanno figli minori o che comunque hanno disoccupati in casa.
C’è da chiedersi cosa fa il Governo a sostegno delle famiglie, proprio per venire incontro a questa che deve essere considerata un’emergenza e che sta spingendo oltre la soglia di povertà centinaia di migliaia di nuclei familiari.
Questo Governo è assente e distratto per quanto concerne le famiglie italiane – ha concluso PATERNOSTRO – che sono lasciate sole ad affrontare situazioni di vera e propria emergenza, dall’aumento del costo della vita all’aumento dei costi per la scuola e per le necessità dei figli, per non parlare poi di mutui, malattie ed altro. Il Governo Berlusconi è troppo impegnato per la sua sopravvivenza e forse perde di vista i problemi reali e veri del Paese.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©