Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Tra domani e dopodomani prevista l'approvazione del Senato

Ed ora Berlusconi vuole il "legittimo impedimento"


Ed ora Berlusconi vuole il 'legittimo impedimento'
08/03/2010, 10:03

ROMA - Infuriano le polemiche sull'approvazione del decreto salvaliste, con la popolazione mobilitata contro questo che viene ritenuto un abuso della maggioranza, ma il Pdl non si ferma. Questa settimana infatti giunge nell'aula del Senato la legge sul "legittimo impedimento": uno stop coatto di tutte le udienze del premier per i prossimi 18 mesi, in attesa che venga fatta la legge costituzionale che garantisce l'impunità al Presidente del Consiglio da qualsiasi reato. Non solo, ma giunge anche col cosiddetto "tempo contingentato": la maggioranza ha concesso all'opposizione 14 ore di dialogo in Parlamento (che viene diviso in proporzione alla consistenza dei gruppi parlamentari, per cui alle opposizioni, sommando i rispettivi tempi, vengono concesse circa 5 ore), prima dell'approvazione definitiva dela legge.
Perchè l'approvazione ci sarà senza dubbio: Berlusconi ne ha bisogno, per fermare i processi in cui è imputato, prima che arrivino a sentenza, dato che non sono processi che possano avere una sentenza positiva: o finioscono con la condanna o con la prescrizione. Di conseguenza il Pdl è stato chiamato a votare compattamente per difendere il proprio leader dai processi, cosa che in un Paese civile e democratico non è concessa a nessuno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©