Politica / Politica

Commenta Stampa

Dopo di lui Di Pietro, Vendola, Bersani e de Magistris

Elezioni 2013 e la guerra dei Tweet, Grillo il più attivo

Osservatorio sui personaggi politici on line

Elezioni 2013 e la guerra dei Tweet, Grillo il più attivo
02/02/2013, 13:02

ROMA - Antonio Di Pietro ha twittato per ben 7420 volte. Qualche centinaio di tweet in più dei 7259 cinguettii di Nichi Vendola. Pier Luigi Bersani sta indietro in classifica: 4944 tweet. E poi c’è Luigi De Magistris con 4474 tweet, Roberto Formigoni con 3213, Pier Ferdinando Casini con 2705 tweet, Matteo Salvini con 2145. E’ quanto emerge dalla ricerca “WebPolitics - Osservatorio permanente sui personaggi politici online” di Reputation Manager. Ma, ovviamente, la palma del più attivo twittatore va a Beppe Grillo che ad oggi ha cinguettato per ben 7493 volte. “Ma su twitter paga soprattutto la qualità, ovvero il contenuto del tweet più che la frequenza o la quantità”, commenta Andrea Barchiesi, Ceo di Reputation Manager. E infatti emerge come i 93 cinguettii del professor Monti abbiano generato 19.308 retweet e 5922 mentions, descrivendo un coefficiente di amplificazione di 271 volte. Oscar Giannino coi suoi soli 82 tweet ha generato 14806 retweet e 1653 mentions, con una capacità di amplificazione pari a 200,7. I dati dimostrano infatti che - ad esempio - i 7493 tweet di Grillo hanno un valore in termini di amplificazioni pari solo a 8,9 (ovvero generano 62.746 retweet e 4099 mentions), idem Vendola che ha un coefficiente di 8,6. Il leader del Pd Bersani ha un coefficiente di amplificazione di 10,8 ovvero i suoi quasi 5000 tweet in un mese producono 40476 retweet e 13084 mentions. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©