Politica / Regione

Commenta Stampa

Elezioni Amministrative, Romano: “Meglio coerenza che presunta intelligenza politica”


Elezioni Amministrative, Romano: “Meglio coerenza che presunta intelligenza politica”
02/05/2011, 15:05

“Se per Mario Landolfi solo chi si muove per calcolo personale o personalistico ha ‘intelligenza politica’, a questo tipo di ‘intelligenza’ preferisco altre ‘virtù’. Tra queste, senz’altro la coerenza politica e il rispetto degli elettori”.

Così l’onorevole Paolo Romano, Presidente del Consiglio Regionale della Campania che aggiunge:

“Landolfi sa bene che tutte le decisioni adottate nei mesi scorsi a S. M. Capua Vetere sono state assunte di concerto col coordinamento regionale del Pdl di cui lui è vice. Ora, però, ci fa sapere a mezzo stampa di non condividere niente e ci accusa di essere ‘ribaltonisti’. Poi, senza fornire alcuna spiegazione credibile sulle reali ragioni della candidatura del nipote tra le fila dello schieramento sbagliato, si dice comunque pronto a sposare la nostra causa e il nostro progetto in caso di ballottaggio. Talché verrebbe, e non solo a noi, da chiedersi se questo sia indice di intelligenza politica o altro”.

“Quanto al mio ruolo istituzionale – prosegue Romano – ricordo a Landolfi che intanto parliamo di ‘elezione’ e non di ‘nomina’ e che, come accade in tutti casi analoghi, l’indicazione che mi riguarda e di cui sono grato al partito e al Coordinatore Nicola Cosentino, è il frutto di un ragionamento politico articolato su di una strategia politica complessiva”.

“Quanto alle strategie politiche del presidente Zinzi, - conclude Romano - il ragionamento è lo stesso. Da un lato si dà ragione a chi ritiene che le nomine non vadano assolutamente fatte in campagna elettorale, ma poi non si esita a fare di peggio. Con l’aggravante, per di più, di pretendere apparentamenti del’ultima’ora con noi, nel caso in cui le cose dovessero andarci, come credo, per il verso giusto. Ma nell’Udc, nessuno si illuda. Piuttosto, siano coerenti e, a proposito della politica dei due forni, chiariscano ai cittadini in quanti e quali di questi forni intendano cucinare le proprie torte prima che gli elettori gliele brucino definitivamente”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©