Politica / Regione

Commenta Stampa

Elezioni, Ermanno Russo: "L'esperienza del governo regionale è un valore aggiunto per il centrodestra"


Elezioni, Ermanno Russo: 'L'esperienza del governo regionale è un valore aggiunto per il centrodestra'
13/04/2012, 14:04

"Il centrodestra campano, al netto di ogni polemica, ha in sé un valore aggiunto in questo particolare momento storico che vive la Campania, chiamata nelle prossime settimane ad eleggere sindaci e consigli comunali di città popolose ed importanti. Tuttavia, esso corre il rischio di non riconoscerselo, di non riconoscere cioè a se stesso tale valore. Quel quid in più è rappresentato dall’esperienza di governo della Regione Campania, nata in una condizione di forte instabilità dei conti, frutto sia di un’eredità pesante consegnataci dalle precedenti amministrazioni che di una congiuntura europea e nazionale assolutamente sfavorevole. Una situazione però via via raddrizzatasi e che oggi naviga verso orizzonti virtuosi". Ermanno Russo, assessore regionale ed esponente Pdl, dedica sul sito sito internet (www.ermannorusso.it) una riflessione sull'attuale momento politico che sta attraversando la Campania a meno di un mese dal voto amministrativo.
Nella rubrica "In fondo, in fondo", Russo scrive: "I tagli dei diversi Governi che si sono succediti in questi due anni hanno sicuramente messo a dura prova, con le loro politiche drastiche di riduzione dei trasferimenti, la tenuta della Campania. Pur in un contesto di crisi di questo tipo, la giunta Caldoro ha saputo però attuare comportamenti virtuosi, che non hanno avuto la pretesa di risolvere il problema ma che tuttavia stanno contribuendo a riprogrammare il futuro di una regione sprofondata nel baratro dei debiti, concorrendo nel contempo ad accreditare la Campania in chiave nazionale quale esempio di rigore, austerità e responsabilità".
"Vale la pena di ricordare in questa sede - continua Ermanno Russo - come lo sforamento del patto di stabilità interno ad opera delle precedenti amministrazioni regionali abbia di fatto compromesso, attraverso l’accensione di mutui, interi esercizi finanziari futuri di Palazzo Santa Lucia. Ciò nonostante, la Campania è in corsa per obiettivi importanti, il primo dei quali, il riscatto ed il rilancio della sua immagine, è appena iniziato e la America’s Cup lo testimonia chiaramente".
Di qui l'assessore aggiunge: "E’ anche merito del presidente Caldoro se oggi la Campania fa il giro del mondo nelle tv per la vela e non per la spazzatura. Un presidente di Regione riformista, moderato e dalla parte del Sud, che ha introdotto nel dibattito politico nazionale concetti fondamentali come la valutazione delle performance o la necessità di un fondo di garanzia, spiegando all’altra parte del Paese, a quel Nord adagiato sugli allori e alla costante ricerca di un primato di superiorità che di fatto non potrà mai avere, come virtuosi siano i comportamenti delle Regioni e non le Regioni stesse. In questo modo, il governatore ha smascherato la concorrenza sleale nell’approvvigionamento delle risorse del Settentrione, agevolato da situazioni storiche favorevoli ed adagiato con pigrizia su di esse. Spiegare in campagna elettorale il contesto disastrato in cui il presidente Caldoro governa dovrebbe essere in questo momento la prima missione del Pdl e di tutto il centrodestra. E’ necessario ora serrare le file e riproporre sui territori le battaglie che quotidianamente sta portando avanti Caldoro per far sì che i campani possano beneficiare non di aiuti ma di premialità legittime, che sarebbero la giusta ricompensa per i comportamenti virtuosi che responsabilmente stanno attuando da due anni a questa parte".
Sul rapporto con gli alleati, Russo cita un passaggio di un'intervista rilasciata oggi dall'ex ministro Gianfranco Rotondi ad un quotidiano irpino: "Rotondi dice che con l’Udc in Campania un chiarimento è necessario ma che a colpi di cannone non lo vede probabile. Un'opinione la sua condivisibile, specie quando spiega che il Pdl ha sicuramente cento ragioni per aver preso le posizioni che ha preso ma non è indebolendo il proprio presidente che si rimedia alla difficoltà”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©