Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Toto liste nella Regione-chiave per il Senato

Elezioni, il mercato delle candidature in Campania


.

Elezioni, il mercato delle candidature in Campania
15/01/2013, 12:05

NAPOLI - E’ una corsa ad ostacoli quella che porta alla presentazione delle liste elettorali in Campania.
Tra dubbi, trattative da fantamercato e nomi indigeribili, servirebbe un battitore d’aste a placare gli animi dei partiti.
Il Partito Democratico ha bruciato tutti sui tempi, finendo però per ritrovarsi ad affrontare una lotta intestina. I nomi in elenco non piacciono a tutti, soprattutto se spinti dal contestato coordinatore regionale, Enzo Amendola. In tanti recriminano un ruolo migliore, e puntano il dito contro i nomi piovuti dall’alto e che hanno dribblato le primarie.
Nel Pdl, invece, la questione è tutta legata al fattore “liste pulite”. Berlusconi ha già annunciato che sulla candidabilità di qualche parlamentare uscente l’ultima parola spetta alla commissione di partito, ma pare chiaro che il Cavaliere rinuncerà a poco. Intrigante, poi, la trattativa che porta a dn Luigi Merola, per cui la Curia ha già storto il naso. Il diretto interessato non rimanda al mittente le avances, ma anche lui ha chiesto certezze sulle liste.
Certezze che sono bastate al giornalista Ruotolo per accettare l’offerta di Ingroia in Campania 2 o al Senato. Al Senato ci sarà anche Sergio D’Angelo, pronto alle dimissioni dalla giunta De Magistris.
Il gran mercato finirà alle ore 20 del 21 gennaio, data ultima per presentare le liste dei candidati nelle cancellerie delle Corti d’Appello, corredati dagli atti di accettazione delle candidature e dalle firme richieste dalla Legge. Poi, via ai comizi in piazza. Ma quella è un’altra storia…

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©