Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ennesimo abuso della Polizia che nega il diritto a manifestare



Ennesimo abuso della Polizia che nega il diritto a manifestare
12/08/2009, 19:08

Ennesimo episodio, nel silenzio più totale della TV, di abuso delle forze dell'Ordine che, anzichè tutelare i diritti dei cittadini, come prevede il loro ruolo istituzionale, li danneggiano e negano loro il più elementare dei diritti: manifestare. E' successo in occasione dell'ultima visita del Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi a Napoli. Un manifestante aveva deciso di manifestare a piazza del Plebiscito, dove Berlusconi doveva passare, ed esporre uno striscione che ricordava come l'inceneritore è sempre stato considerato un affare per i Casalesi. In men che non si dica gli sono piombati addosso i poliziotti che, in malo modo, si sono presi lo striscione, senza averne alcun diritto.
Ora, a parte la violazione dei diritti del manifestante (l'articolo 21 della Costituzione garantisce la libertà di manifestare pacificamente), si solleva anche un'altra questione. Il sequestro dello striscione è abusivo. Quindi lo striscione andrebbe restituito al ragazzo e i poliziotti che hanno partecipato dovrebbero finire davanti alla loro Sezione Disciplinare, che dovrebbe punirli, quanto meno per il discredito che hanno gettato sul corpo. E invece nulla del genere. E poi la Polizia si lamenta quando trova le persone che non collaborano o che fanno ostruzionismo? Ma considerando il fatto che questi comportamenti sono abituali, dovrebbero meravigliarsi che ci sia ancora gente che li saluta, visto che fanno di tutto per farsi odiare dalla popolazione che dovrebbero difendere.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©