Politica / Regione

Commenta Stampa

Enzo Rivellini (Ppe): "cresce consenso per Lettieri e aumenta l’invidia"


Enzo Rivellini (Ppe): 'cresce consenso per Lettieri e aumenta l’invidia'
04/05/2011, 14:05

Enzo Rivellini, parlamentare europeo del Ppe, ha dichiarato: «Sembra quasi che col passare dei giorni, al crescere del consenso in città per Gianni Lettieri, aumenti a dismisura l’invidia e l’acredine, spesso personale, nei suoi confronti.

Conosco Antonio D’Amato da anni, anzi fui proprio io 15 anni fa, dopo la vittoria di Guazzaloca a Bologna, a chiedergli di scendere in campo direttamente.

Pertanto, resto esterrefatto nel leggere della questione personale che D’Amato, in un momento così particolare per la città, continua a sostenere contro Lettieri.

Gianni Lettieri è stato leader degli industriali napoletani negli ultimi 6 anni e più volte è uscito vittorioso dalle dispute interne all’Unione contro D’Amato, tanto che mi risulta che le scelte effettuate sotto la sua gestione abbiano ottenuto quasi sempre l’unanimità dei consensi. Non capisco quindi perché un imprenditore importante come D’Amato confonda l’acredine personale con le questioni di carattere generale.

In una situazione di confusione politica a dir poco paradossale poi, lo stesso ex leader di Confindustria oggi ha parole di elogio per tutti i candidati Sindaco, nessuno escluso, tranne che per Lettieri.

Può essere giustificabile, per fare un esempio, l’appoggio di D’Amato ad un candidato come De Magistriis ? No, ed infatti l’unica ragione è che la questione sollevata contro Lettieri è personale e non politica. Una questione che un uomo dello spessore di D’Amato non dovrebbe sostenere.

In ultimo, ma non per ultima cosa, vorrei sottolineare che per anni in tanti si sono lamentati della cosiddetta società civile che ha scelto di fare la corte ai vari Viceré che si sono avvicendati, criticando ma mai costruendo qualcosa. Mi sembra quindi molto strano che un uomo capace, da un punto di vista imprenditoriale molto valido e che ama la sua città non apprezzi chi, anziché criticare, si è rimboccato le maniche ed in prima persona ha deciso di metterci la faccia. Lettieri poteva rimanere nell’ombra e dalla stanza dei bottoni dirigere la politica cittadina, come tanti purtroppo hanno fatto in questi anni. Invece, ha scelto di scendere in campo e per questo va ringraziato.
Ho fatto l’opposizione a Bassolino ed alla Iervolino, come i napoletani sanno, e voglio ricordare che Lettieri più volte ha criticato il malgoverno della Sinistra, mentre chi finora è rimasto silente solleva polemiche prima ancora che si conosca l’esito elettorale».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©